INDICA/SATIVA: 60%/40%
GENITORI: BRAZILIAN – INDIAN
FIORITURA: 8 settimane
RACCOLTO OUTDOOR: Inizio ottobre
RESA INTERNA/ESTERNA: 500g/m² – 500g/pianta
THC/CBD: 22%/Basso
SEED BANK: Greenhouse Seeds

 

Le origini di questo strain non sono mai state chiarite del tutto, si dice che la prima White Widow sia sorta dall’incrocio tra due varietà autoctone: Brazilian Sativa e una pianta Indica indiana. Non c’è accordo neanche su quale sia stato il primo team di breeder a ottenerla, ma la teoria più accreditata è che furono Shantibaba e Greenhouse Seeds i veri creatori di questa stella del firmamento cannabico: una fuoriclasse dalla natura ibrida che fece la sua comparsa a metà degli anni ‘90 e che da allora non ha perso neanche un poco di popolarità.

Le sue cime presentano un colore verde chiaro quasi bianco, che è dovuto all’esorbitante quantità di tricomi che inondano non solo le infiorescenze ma ricoprono addirittura tutte le foglie. Gli odori più evidenti sono quelli pungenti di pino e le sfumature speziate, sul palato invece i sapori che si notano con più facilità sono di tipo dolce e fruttato, una combinazione che ha reso White Widow famosa in tutto il mondo. Ma c’è di più, lo strain è di una potenza devastante in grado di far impallidire anche i fumatori più esperti. Le concentrazioni di THC superano il 20% e generano nel consumatore uno sballo intenso. La sensazione è quella di essere travolti da un flusso di energia che porta creatività e voglia di socializzare, successivamente si fanno spazio effetti narcotici e “inchioda-divano” che sono dovuti alla sua equilibrata ripartizione di geni Indica e geni Sativa. La potenza di questa varietà di cannabis è in grado di spazzare via quelle fastidiose sensazioni legate a disturbi quali stress e ansia.

Buona parte del successo che White Widow continua a riscuotere è anche dovuta al fatto che si tratta di una varietà di facile coltivazione. La sua natura ibrida offre un’ottima resistenza ai climi rigidi o instabili, mostrando una buona tolleranza all’umidità. Le sue dimensioni rimangono piuttosto ridotte e si procede al raccolto dopo circa 8 settimane di fioritura (indoor), anche se qualche giorno ulteriore di maturazione può donare alle infiorescenze quel tocco in più. Aspettatevi rese soddisfacenti di circa 500 grammi per esemplare.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.