img1

In questo articolo è doveroso anticipare ai lettori il volo pindarico in questione: decidiamo di allargare le congiunture, di trasferirci nell’Est Europa, abbandonando il grigiore delle periferie londinesi e passando per le terre della Puglia per rapire il personaggio che è saltato su Electro Zone.

Larssen è stato definito nel corso degli anni duemila come ambasciatore italico del suono dubstep e più in generale della cultura bass music. Gabriele Panico a.k.a. Larssen, sonda i territori elettronici a partire dagli anni ’90, affiancando all’attività di dj quella di producer; inizia ad esplorare tecniche e macchine analogiche rivoluzionando i concetti di club music e dancehall ed arrivando a pubblicare nel 2012 per la label Pocket Panther, il suo primo album, “Pninism”, catturando così l’attenzione della maggior parte dei network europei del settore.

“Pninism”, rappresenta tutt’oggi una vera e propria anomalia: non è cosa di tutti i giorni che un dj/producer pubblichi un vero e proprio album di botto, come nel caso del nostro Larssen, italiano solamente all’anagrafe; consigliato a chi se l’avesse perso per la strada, l’album racchiude 14 episodi sonori, a metà fra il garage uk, il dub e le reminiscenze jungle. 
Instancabile personaggio dotato di più personalità, il nostro Larssen a parte gli show come ghost dj su Bass.Fm, è autore anche della rubrica “Larssen Box” nel format SocaBeat, dove i suoni diventano parole e viceversa.

Dal 2013, con il sostegno di Pocker Panther, ha deciso, sottoforma di trilogia, di andare a scavare nella world music, inebriarsi dei loro odori e imbastardirli con l’electronic music; influenzato probabilmente dal capolavoro Mala in Cuba ad opera dell’anglo jamaicano Mala, fondamentale ed imperdibile producer del dubstep. 
E così, dopo il primo Ep Maputo Hi-Fi, dove il dubstep flirtava con la cultura musicale africana, il nostro producer esce allo scoperto con Karzali, fuori da pochissimo e disponibile al momento in versione digitale sul canale Beatport. Quattro tracce più un remix, che racchiudono l’essenza dell’incontro fatto fra l’electronic music e i suoni dell’Est Europa.

Con Karzali si stravolge ogni concetto che si fonda su basi solide e su schemi ben concepiti: si parte dai suoni dell’Islam mescolati sapientemente con la techno di Clash Qadiri, passando per Tirana Steppers e Vlora, quelle che meglio riassumono l’incontro fra il dub e la cultura balcanica ed arrivando al remix di Western Suckers, traccia proveniente da “Pninism”, ad opera di Vigo.

Una nota a parte invece, la merita Hi tech Teheran, senza ombra di dubbio la piccola perla custodita in Karzali; qui, il suono di Larssen raggiunge la sua pienezza e fa capire che le frequenze basse scorrono nelle vene come poco altro. Un intro che giustifica parte del titolo del brano, per poi farci tuffare nel tipico sound del nostro producer: tratto distintivo, una linea di basso tiratissima; un po’ come nella jungle quelle di Dillinja.

Andando al sodo, Karzali di Larssen, conferma le volontà del dj: ricercare, trovare soluzioni sonore di rilievo e creare nuovi sentieri; fare musica con tutta l’eredità che questo nome comporta.

«Karzali in not a world music album: it’s a world wide bass music trip». [Beatport]

Francesco Cristiano
www.ciroma.org

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.