Stoppare la produzione di plastica entro il 2040 e mettere in pratica strategie per il riciclo e per la rimozione dei rifiuti presenti sul pianeta: è quanto chiedono 14 scienziati provenienti da diversi paesi del mondo con un appello pubblicato in un report speciale dalla rivista Science.

L’unica soluzione per risolvere il problema che pregiudica sempre di già la salute dell’ambiente e dell’umanità sarebbe un accordo globale che ponga nuovi limiti e controlli, perché le stesse proprietà che hanno reso la plastica un materiale moderno apparentemente essenziale la rendono anche una seria minaccia ambientale.

Secondo gli studiosi dagli anni ’50 sono state prodotte circa 8 miliardi di tonnellate di plastica. E la produzione non accenna a diminuire: nel 2019 dalle fabbriche sono usciti 368 milioni di tonnellate di plastica vergine. La maggior parte dei rifiuti plastici invece viene dagli imballaggi (47%). Dal tessile viene il 14% e dai trasporti il 6%. Ogni anno il 3% dei rifiuti di vari polimeri finisce negli oceani: in media, sono 8 milioni di tonnellate all’anno.

Andando avanti di questo passo entro il 2050 la produzione di nuova plastica da combustibili fossili potrebbe consumare il 10-13% del restante budget globale di carbonio consentito per garantire l’aumento delle temperature a non più di 1,5 gradi sopra i livelli pre-industriali, come richiesto dall’accordo di Parigi sul clima.

I punti sui quali si focalizzano gli scienziati sono: eliminare gradualmente la produzione di plastica nuova o vergine entro il 2040, creare un’economia circolare per la plastica incentivando il riutilizzo e la ricarica e l’eliminazione di notevoli volumi di inquinamento, e infine iniziare una bonifica mondiale dei rifiuti.

“L’inquinamento da plastica rappresenta una minaccia considerevole, anche se non ancora pienamente compresa, per l’ambiente, le specie e gli habitat, così come per il patrimonio culturale”, ha sottolineato Nils Simon, ta gli autori dello studio evidenziando che: “I suoi impatti sociali includono danni alla salute umana, in particolare tra le comunità vulnerabili, e ha costi economici sostanziali che colpiscono soprattutto le regioni che dipendono dal turismo. Affrontare queste sfide richiede un approccio trasformativo che faciliti le misure per ridurre la produzione di materie plastiche vergini e includa passi equi verso un’economia sicura e circolare per la plastica”.

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.