Abusi poliziaContro-informazioneIn evidenza

Ammazzato di botte: la verità definitiva su Stefano Cucchi

Condanna definitiva per i due carabinieri che picchiarono furiosamente Stefano Cucchi consegnandolo alla morte

Condanna definitiva per gli assassini di Stefano Cucchi

Lo Stato italiano uccide un altro consumatore di cannabis: pestato a morte dopo l’arresto.”

Così Dolce Vita titolava, a un mese dall’arresto di Stefano Cucchi e della tragica fine che ne seguì, il primo di una lunga serie di articoli dedicati alla drammatica vicenda del trentunenne romano. Era il 2009.

13 anni dopo e un numero impressionante di udienze, accuse infamanti, perizie, testimonianze e sentenze nei vari gradi della giustizia, la Cassazione ha scritto il capitolo conclusivo di questa storia che ricalca proprio quel nostro primo titolo.

Alessio di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, i due carabinieri che nella notte tra il 15 e il 16 ottobre 2009 picchiarono selvaggiamente Stefano Cucchi causandogli lesioni fatali, sono stati condannati in via definitiva a 12 anni di carcere per omicidio preterintenzionale.

Le infamanti dichiarazioni su Stefano Cucchi da parte dei rappresentanti delloLA VERITÀ SULLA MORTE DI STEFANO CUCCHI È SEMPRE STATA UNA

«Dedichiamo questa sentenza definitiva ai vari Tonelli, Salvini e a tutti gli altri iper garantisti che per un decennio hanno sostenuto che Stefano Cucchi era morto di suo, era morto per colpa propria» ha dichiarato l’avvocato della famiglia Cucchi, Fabio Anselmo.

Senza possibilità di smentita, ora possiamo dire che Stefano non è morto perché “caduto dalle scale”. Non è morto nemmeno perché “tossicodipendente”. Non è morto tantomeno “perché magro, anoressico”.

«Ora possiamo dire che è stato ucciso di botte e che giustizia è stata fatta nei confronti di coloro che l’hanno portato via». Alla sorella Ilaria, che ha commentato a caldo la sentenza in questo modo, va il riconoscimento di non aver mai ceduto nella ricerca della verità e di aver così restituito dignità a tutte le altre vittime della divisa a cui giustizia è ancora negata, vittime di uno stato che non solo non ne ha saputo garantire l’incolumità ma in prima persona si è macchiato le mani col loro sangue.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button