HipHop skillz

Spagna. Un altro rapper in manette: “incitamento al terrorismo”

Mentre in Italia impazzano le discussioni e le polemiche, molto più vicino di quanto si pensi, il rap è tra le pagine della cronaca nazionale. Ecco in Spagna cosa succede:

Spagna. Un altro rapper in manette: “incitamento al terrorismo”Dopo Pablo Hasel e Valtonyc un altro rapper catalano finisce in manette per incitamento al terrorismo. Marc Falcò arrestato per aver espresso sui social network opinioni ritenute violente dalla magistratura.

Ieri intorno alle 14 alcuni Mossos d’Esquadra – la polizia autonoma al comando del governo regionale catalano – alcuni dei quali incappucciati e pistola alla mano, hanno ammanettato e arrestato Marc Falcó nel suo domicilio di Lleida, perquisito a fondo per tutto il pomeriggio alla ricerca di fantomatiche prove del reato di cui è accusato il rapper e produttore musicale: incitamento al terrorismo. Al termine della perquisizione durata fino alle sei di ieri pomeriggio e senza che l’avvocato della famiglia potesse assistere, i Mossos hanno sequestrato il suo personal computer, quello di sua madre e vari oggetti personali di suo padre, morto alcuni anni fa, e diversi libri, per lo più testi marxisti.
L’arresto, ordinato dall’Audiencia Nacional – il tribunale antiterrorismo ereditato dal franchismo – è scattato a causa di alcuni commenti postati da Marc Falcò sui propri account di Facebook e Twitter. Mentre Falcò – noto con il nome d’arte di Marc Hijo de Sam e considerato uno dei migliori rapper di tutto lo Stato Spagnolo – veniva trasferito a Madrid per essere interrogato, davanti alla sua abitazione gruppi politici e amici inscenavano un sit in di protesta contro l’ennesimo episodio repressivo.

L’assurda vicenda colpisce il produttore di Pablo Hasel, un altro rapper catalano arrestato esattamente un anno fa con le stesse accuse, “incitamento al terrorismo”, mentre è di agosto la detenzione di un altro artista – il rapper maiorchino Josep Miquel Arenas, noto come “Valtònyc” – denunciato per vilipendio al Re e incitamento alla violenza.

Una vera e propria escalation, quella della magistratura e delle forze di sicurezza spagnole, nei confronti di un ambiente artistico impegnato politicamente che evidentemente l’establishment di Madrid – e quello catalano – considera pericoloso e che quindi viene colpito sistematicamente nonostante l’inconsistenza delle accuse e l’evidente persecuzione di opinioni politiche che configura una violazione sistematica dei diritti civili. Una violazione che non ha finora né interessato né scatenato la reazione dei media internazionali, che su quanto accade in Spagna continua a chiudere non uno ma tutti e due gli occhi…

Fonte: www.contropiano.org

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button