CannabisHigh times

Spagna: la Corte Costituzionale ha bocciato la legge sui cannabis social club della Catalogna

Spagna: la Corte Costituzionale ha bocciato la legge sui cannabis social club della CatalognaLa Corte Costituzionale spagnola ha bocciato la legge che aveva legalizzato i Cannabis social club nella regione della Catalogna. La decisione è stata presa all’unanimità dai giudici della massima corte del paese iberico.

I magistrati hanno ritenuto che la legge approvata dal Parlamento catalano invadesse le competenze dello Stato centrale. Era stato l’ex premier Mariano Rajoy ad impugnare la legge nello scorso ottobre, sostenendo anche che esso dava protezione legale ad attività considerate reato nel codice penale. Oggi la Corte Costituzionale gli ha dato ragione.

Il giudizio non è quindi di merito ma di metodo, e si limita a ribadire che in campi che la Costituzione riserva allo stato, le regioni – seppur con un grande grado di autonomia come nel caso della Catalogna – non possono legiferare in contrasto con le leggi di Madrid.

La sentenza specifica che: “la cannabis è classificata come stupefacente dalle leggi spagnole, il che significa che è una competenza in materia penale riservata allo Stato, in base all’articolo 149.1.6 della Costituzione“.

Una sentenza che arriva in un momento particolare, in cui la cannabis sembra sotto attacco in Spagna. Proprio nei giorni scorsi, infatti, l’Agenzia spagnola per la sicurezza alimentare ha vietato la vendita di ogni prodotto alimentare contenente CBD, ordinando il sequestro di tutti i prodotti presenti in commercio.

Tornando ai Cannabis social club, la sentenza della Corte Costituzionale non dovrebbe avere nessuna ripercussione sugli oltre 300 club della Catalogna, che continueranno ad operare come d’altra parte facevano anche prima che la legge venisse approvata.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button