L’idea arriva da un’azienda canadese e potrebbe apportare sensibili cambiamenti nella lotta alle emissioni di anidride carbonica, ad oggi considerate la causa primaria del riscaldamento globale.

Ormai dal 2015, a seguito del Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, tutto il mondo, ad esclusione degli Stati Uniti, è sempre più attento a non emettere anidride carbonica nell’atmosfera cercando, parallelamente, strategie efficaci in tal senso. L’obiettivo è quello di mantenere l’aumento della temperatura media al di sotto dei 2°, tentando nel tempo di limitarlo a 1,5°.

È dalla mente del suo fondatore David Keith, anche rinomato esperto di scienze climatiche e insigne professore di fisica applicata ad Harvard, che è stata partorita questa tecnologia ben in linea con quelli che sono gli intenti appena sopraccitati.

L’azienda, che esiste già da nove anni ed è specializzata in sistemi capaci di sottrarre anidride carbonica dall’atmosfera, punta ora sulla possibilità di convertirla per creare carburante, combinando alla CO2 idrogeno estratto da fonti rinnovabili.

La tecnologia descritta da Keith e i suoi collaboratori è in realtà già nota da tempo, ma a loro si deve soprattutto il primato di averla portata su scala industriale e l’intento è ora quello di un sempre maggiore sviluppo, cercando di abbattere i costi e di offrire una resa il più efficiente possibile.

Il sistema, che si prevede possa essere realizzato nel breve periodo grazie a finanziamenti di magnati quali Bill Gates, potrebbe assorbire sino a un milione di CO2 all’anno, pari alle emissioni di 250.000 autoveicoli.

Oltre quindi agli evidenti risvolti sostenibili a beneficiare di tale innovazione potrebbero anche essere aeroplani e grandi imbarcazioni, veicoli che ad oggi difficilmente possono utilizzare energia elettrica e che richiedono quindi un’alternativa ai combustibili fossili. In questo caso non si ridurrebbe la percentuale di anidride carbonica presente nell’aria ma si eviterebbe di immetterne di nuova nell’atmosfera.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.