Psiconauta

Sostanze psicotrope: il sacro oltre che proibito

Funghi colorati

A partire dalla Convenzione unica sugli stupefacenti del 1961 aleggia intorno alle sostanze stupefacenti, le cosiddette droghe, un vero e proprio tabù, volto a proibirne la diffusione senza una licenza specifica d’uso. Il termine tabù deriva da una parola polinesiana, “tapu”, in hawaiano “kapu”, che si riferiva all’interdizione relativa a un’area di consuetudini e costumi dichiarata “sacra e proibita”. 

In tema di policy sulle droghe nelle società occidentali il binomio si è drasticamente ridotto alla variabile della proibizione, essendo venuto a mancare il contesto rituale e cerimoniale che custodiva le pratiche con sostanze psicotrope in numerosissime popolazioni del mondo. Perduto il sacro nell’orizzonte della modernità, queste sostanze sono passate alla sfera del rimosso collettivo, così come i rituali di guarigione ad esse associati. 

L’avvento della medicina psichedelica le ha riportate oggi sotto ai riflettori dell’opinione pubblica. La scommessa è allora quella di restituire al dibattito pubblico la questione e di sottoporre a libera ricerca questi composti dal potenziale clinico e terapeutico indiscutibile, nella cornice di una rinnovata educazione in materia di sostanze che sappia tenere conto degli effetti, dei rischi, degli accorgimenti atti alla riduzione del danno e del loro potenziale di trasformazione e cura. 

È allora una forma di restauro pedagogico quella che ci serve per poter parlare di queste sostanze con lucidità e consapevolezza, perché l’incontro con esse non vada ad assecondare un mero senso di trasgressione, ma sia invece l’occasione per migliorare se stessi e accrescere la propria coscienza di sé e del mondo.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button