High times

Sorpresa: l’Italia apre alla produzione di canapa terapeutica

000020Mercoledì 20 gennaio si è svolta, presso la sede nazionale del partito radicale, una conferenza stampa organizzata dalla sen. Donatella Poretti per illustrare iniziative e proposte in tema di libertà di cura e cannabis terapeutica, nonché sulle nuove norme in discussione al senato riguardanti la terapia del dolore.

Alla conferenza stampa hanno partecipato, oltre alla Sen. Poretti, il sen. Marco Perduca, il farmacologo Paolo Pesel, l’avv. Angelo Averni, Claudia Sterzi segretaria dell’Ass. Radicale antiproibizionista, Luigi Manconi, pres. di A Buon Diritto, Marco Cappato, segr. dell’associazione Luca Coscioni e Paolo Crocchiolo in rappresentanza del Forum Droghe e dell’Ass. Cannabis Terapeutica.

La discussione si è concentrata sull’uso terapeutico dei cannabinoidi, sia per contrastare il dolore, che nella cura di varie sindromi in cui si sono dimostrati efficaci. Al termine della conferenza, la sen. Poretti ha avanzato l’idea di proporre in parlamento un emendamento che preveda la produzione di farmaci cannabinoidi da parte dell’Istituto Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, partendo dal materiale prodotto dal Centro di Ricerca per le Colture Industriali di Rovigo, recuperandone la produzione, attualmente destinata alla distruzione, permettendo allo Stato Italiano di produrre da sé i farmaci cannabinoidi, risparmiando i costi di importazione.

Nonostante lo scetticismo iniziale sull’accoglimento della proposta da parte di un parlamento prevenuto nei confronti della cannabis, inclusa la terapeutica, e contrariamente alle aspettative di relatori e promotori, è stato reso noto che il governo sta considerando con favore e attenzione la proposta lanciata il 20 gennaio. La proposta si è concretizzata in un Ordine del Giorno proposto dai senatori radicali Poretti e Perduca e fatto proprio dal Governo che, nonostante le precisazioni del Dipartimento antidroga, pone le basi per una produzione italiana di farmaci a base di cannabis.

Si tratta ora di intensificare l’azione di lobbying perché anche in Italia i fondamentali diritti ad una corretta e adeguata terapia del dolore, alla libertà di cura, in particolare alla libertà di cura con la cannabis siano finalmente riconosciuti e concretamente applicabili.

Altro segnale positivo è dato anche dalla recente notizia che il Tribunale di Avezzano (L’Aquila) ha dato il via libera alla somministrazione di marijuana gratuita proprio per uso terapeutico: il giudice del lavoro ha ordinato all’Asl di procurare e consegnare la cannabis a Marco Di Paolo, 43 anni, malato di sclerosi multipla allo stadio avanzato. E’ la sintesi del contenuto dell’ordinanza resa nota dal giudice Elisabetta Pierazzi nel procedimento cautelare promosso da Marco Di Paolo, malato e in condizioni di particolare indigenza, per ottenere dalla propria Asl la somministrazione gratuita del farmaco a base di cannabis, prodotto fuori dall’Italia e dimostratosi l’unico efficace ad alleviarne le sofferenze. Un provvedimento primo nel suo genere e riafferma la valenza del diritto alla salute – scritto nell’art. 32 della Costituzione – considerato non recessivo rispetto a norme giuridiche a fondamento etico che pure di fatto ne limitano l’efficacia.

fonte: fuoriluogo.it

 



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio