Contro-informazione

Siria, 10 anni di una guerra che non abbiamo saputo fermare

Dieci anni che faccio il Portavoce dell’UNICEF Italia. Dieci anni di guerra in Siria. Ho iniziato cercando di parlare di questi poveri innocenti massacrati dalle bombe. Dicono 12 mila bambini morti. Accertati, ma sono molti di più, per me. Almeno 5 volte di più. Ma che dico… 10 volte di più. Un conflitto infinito di cui temo si parlerà anche quando non sarò più nel mio ruolo. Ho visitato tutti i paesi limitrofi della diaspora. Grazie a colleghi straordinari ho conosciuto un popolo con una forza incredibile ma che merita pace.

La guerra è l’unica cosa che conoscono milioni di bambini in Siria, con un enorme impatto sul loro benessere psicosociale. Quasi 5 milioni di bambini sono nati in Siria dall’inizio della guerra nel 2011, con un altro milione nato come rifugiato nei paesi vicini alla Siria. Questi bambini non hanno conosciuto altro che morte, sfollamento e distruzione. I bambini vengono ancora uccisi e mutilati.

Siria, 10 anni di una guerra che non abbiamo saputo fermare

Dieci anni di conflitto in Siria. Ho pensato a lungo cosa scrivere su questa catastrofe umanitaria dalle proporzioni assurde e a pochi passi da noi. Ho quasi la sensazione di aver detto tutto, urlato tutto. Chiesto di tutto. Mi rendo conto che se iniziassi a snocciolare tutti i numeri le cifre i dati su bambini morti, rifugiati, sfollati, feriti mutilati, bambini usati come soldato, ragazze date in sposa e chi più ne ha più ne metta (cifre beninteso che l’UNICEF come sempre fornisce puntualmente oggi) vi direi cose che già sapete o che non vi va di sentire (siamo anche entrati in zona rossa) vi indignereste quei pochi minuti che servono a finire di leggere un pezzo, l’ennesimo pezzo, del sottoscritto sulla Siria e via.

E lasciatemelo dire, mi vergogno un po’a riempirvi di facile retorica sulle guerre, sui bambini che non vanno uccisi, sul fatto che questo assurdo conflitto ha “occupato” dieci anni delle nostre vite e che, quelli sì, passano purtroppo velocissimi, portando con sé tutte le grandi questioni di geopolitica internazionale sulle quali non mi dilungo perché come mi disse un diplomatico anni fa (e aveva ragione) “se ti metti a riflettere sul perché la guerra in Siria non la ferma nessuno non ne uscirai mai, lascia perdere, è una questione molto più grande di te, finirà come tra Israele e Palestina”. Allora oggi mi taccio pure su questo e lascio il campo a chi ne sa di più sperando solo che una nuova classe dirigente illuminata mondiale un giorno, chieda perdono a questa generazione di ragazze e ragazze siriane, molti dei quali. come abbiamo visto, nati tra le tante e brutte cose che hanno dovuto vedere e/o subire in un campo profughi dell’Iraq, della Giordania o del Libano. E poi c’è la Covid e non è poco. Lo so.

Siria allora, non dimenticatelo, vuol dire migranti, morti in mare. Siria è Isis. Siria è Trump e Putin ed Erdogan e gli ayatollah. Siria è Assad, Al Nustra e tutte le sigle che ne sono seguite. Siria è Aylan. Siria è Bataclan, Siria in questi dieci anni è Europa, Germania, Francia, Italia e Regno Unito. Siria è gas nervino, bombe al fosforobarrel bombs. Siria è bambini in fuga, figli di foreign fighters. Siria è giornalisti che hanno perso la vita, rapiti, rilasciati, decapitati. Siria è bellezza violata, templi distrutti. Prigioni. Siria è Aleppo, ricordate? Siria è il sorriso dei bambini e delle bambine dei campi profughi che vogliono tornare a casa. Siria è resilienza vera. Siria infine è mio figlio che giocava sul bagnasciuga appena un decennio fa e mi chiedeva a gran voce di fare i castelli di sabbia con lui mentre io al telefono chiedevo a mezza tv italiana di andare a raccontare quella che sarebbe diventata una catastrofe umanitaria senza precedenti dove perdeva la vita a causa delle violenze un suo coetaneo al giorno e sarebbero diventati centinaia, migliaia, almeno 5 volte quelli che oggi tristemente dichiariamo come morti. Bambine e bambini. Ripeto morti. Anzi no UCCISI. Siria questa mattina è ancora mio figlio (accidenti sono passati già 10 anni), è il tempo dei bilanci. Lui per fortuna l’ho visto crescere e diventare un adolescente in un paese in pace, proprio lui, Ricky, che ieri sera mi domandava con la cadenza tipica della sua età mentre arrangiavo questo pezzo: “A pà ma parli sempre de Siria?”. E io che lo guardavo un po’ sconfortato senza sapere se ridere o piangere e pensavo a quelle ragazze e a quei ragazzi come lui di quella stupenda Terra che un giorno merita di risorgere.

Siria, 10 anni di una guerra che non abbiamo saputo fermare

a cura di Andrea Iacomini – Portavoce UNICEF per l’Italia
Fonte: valigiablu

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button