rain_by_awetzel

Io non sopporto quando una persona, alla domanda “come va?”, risponde: “Ma si dai” oppure “Eh cosa vuoi… si tira avanti“. Fossero casi isolati pazienza, non mi darebbe così fastidio, il problema invece è che la maggior parte delle persone risponde proprio così. Pensateci, quand’è stata l’ultima volta che qualcuno vi ha risposto: “Benissimo, va proprio bene!” oppure “Alla grande!” E’ molto probabile che non abbiate mai sentito una simile risposta. E sapete perché? Perché la gente è triste, insoddisfatta, vuota, rassegnata. La gente qui non vive più, ma sopravvive. Tira avanti, appunto, ma è paradossale: è gente che ha tutto, ma non apprezza più niente. Non si rende conto di quanto è privilegiata e fortunata rispetto a chi veramente sopravvive e lotta per arrivare a fine giornata (mi riferisco ai miliardi di esseri umani che vivono nel terzo mondo). La gente qui ha continuamente bisogno di più cose, più soldi, più cibo, più tutto. E più ne ha, più ne vuole.

Si è vero, c’è la crisi, la gente ha mille problemi, ecc ecc… ma ciò di cui sto parlando io non ha nulla a che vedere con queste cose. L’insoddisfazione e l’apatia da me descritte qui sopra non riguardano solo gli ultimi anni: è un meccanismo perverso che va avanti da decenni ormai, che è nato con il consumismo e la globalizzazione, con la perdita di certi valori e il “rincoglionimento” delle masse. Qualcuno penserà che sono esagerato, che tutto questo non è collegabile con la semplice risposta che uno da quando gli si chiede come va: può darsi, ma è una cosa che mi ha sempre dato fastidio, che ho sempre notato e che noto sempre più spesso. Certo, non è facile essere sempre di buon umore, allegri e felici ma non serve esserlo per rispondere “va alla grande!”. Basterebbe che ci impegnassimo un po’ di più per riconoscere la preziosità di ogni singolo giorno. (cit. Dalai Lama)

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.