Buone notizie

Shell condannata a risarcire gli agricoltori per gli sversamenti di petrolio in Nigeria

Shell condannata a risarcire gli agricoltori per gli sversamenti di petrolio in Nigeria

La filiale nigeriana della Shell, nota multinazionale del petrolio di proprietà anglo-olandese, è stata condannata a risarcire gli agricoltori danneggiati dalle attività petrolifere condotte nell’importante area del Delta del Niger, in Nigeria, centro nevralgico dell’industria petrolifera globale.

Si tratta di una vittoria storica per gli ambientalisti e i nigeriani le cui terre sono state contaminate negli anni, qui in particolare tra il 2004 e il 2007, da sversamenti di petrolio originati dagli oleodotti della suddetta compagnia. La Corte d’appello dell’Aja non solo ha stabilito l’obbligo di risarcimento, il cui importo però è ancora da definire, ma ha creato un precedente legale importante secondo cui le multinazionali olandesi diventano responsabili delle azioni delle loro controllate all’estero, obbligandole di fatto a vigilare sul corretto funzionamento degli oleodotti e del sistema di rilevamento delle perdite di petrolio.

Dagli anni Sessanta, da quando vennero scoperti immensi giacimenti di petrolio e gas, milioni di persone che vivono nel Delta del Niger subiscono le conseguenze dell’inquinamento causato non soltanto da Shell ma anche Eni, Exxon Mobil, Total, Chevron. Ogni anno 16.000 bambini muoiono per cause ambientali e l’aspettativa di vita nel Delta è di 10 anni inferiore rispetto al resto della Nigeria.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button