Tre notizie che danno il segno di come va il nostro mondo. E della povertà estrema delle elites politiche.

Un’approfondita ricerca mostra come negli ultimi anni le tasse pagate dai grandi gruppi multinazionali si siano ridotte di un terzo, ma la loro ricchezza invece è dilagata.

La Levi’s annuncia che la produzione dei suoi famosi jeans sarà totalmente robotizzata. Nessun licenziamento, giurano. Ci credete?

In Polonia è guerra ad un nostro connazionale. Fa il custode in un ex campo di concentramento. E’ straniero. Quel lavoro tocca a un polacco

Il nostro mondo, insomma, produce sempre più ricchezza, ma a beneficio di pochi. I costi del suo funzionamento, cioè le tasse, sono sempre più a carico del cittadino inerme. Le elites politiche nazionali fanno a gara a ridurre, se non esentare del tutto, il carico fiscale dei grandi gruppi finanziari industriali pur di accaparrarsene la presenza sul suolo patrio. Intanto i processi di robotizzazione e automazione dei cicli produttivi permettono agli stessi gruppi di guadagnare di più e di espellere forza lavoro, cioè quelli che dovrebbero pagare le tasse.
Nella sola Europa si calcola che nei prossimi anni, a causa di questo fenomeno, perderemo tra i 15 e i 20 milioni di posti di lavoro.
Le elites politiche che ne pensano? Niente, confusi balbettii… e tanto servilismo per i nuovi ricchi.

E così tra la gente si diffondono angosce e paure. E in assenza di proposte e progetti politici seri da parte delle elites politiche attuali, cresce forte il sentimento di avversità verso lo straniero. L’America agli americani, la Polonia ai polacchi, prima gli italiani. Un disastro.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.