High times

I segreti dell’antica cannabis del Congo

SimonStrainhunter e ChristKongo sulle tracce della storia perduta della cannabis nel Paese africano, molto più impoprtante di quanto si pensi

congo the lost tale

La storia perduta dell’antica cannabis del Congo, centrale per ristabilire il movimento della pianta nella storia attraverso i continenti, svelato da SimonStrainhiunter e CristoKongo.

“Nel sanscrito antico la cannabis si chiama Bhang, e sulla costa est africana il primo nome documentato e Bangi, se ci spostiamo nella costa ovest, il nome è lo stesso, Bangi“, viene raccontato nel documentario sottolineando che: “Molti non lo sanno, ma la capitale della Repubblica Centrale Africana si chiama Bangui, che significa ‘luogo della cannabis’. In Congo torna ad essere Bangi, ma nel nord dello Zimbabwe diventa Mbange e a sud si trasforma in Mbanji. Facendo attenzione ai nomi antichi, possiamo tracciare i movimenti di tutta la pianta”.

CONGO, THE LOST TALE

Su YouTube è online la prima puntata di “Congo, the Lost tale”, su Vimeo la seconda mentre la terza uscirà più avanti.

“Questo è un progetto su cui stiamo lavorando da due anni”, spiegano gli autori puntualizzando che il documentario “racconta l’unica vera storia della nostra missione esplorativa del 2016 nella RDC,
alla ricerca della rinomata varietà autoctona del Paese” per portare “lo spettatore in un viaggio epico nelle profondità della terra di questo Paese, dove impariamo di più sulla storia della cannabis africana e sull’importante ruolo questa terra ha giocato nel movimento della pianta in tutto il continente“.

Non solo, perché in video vengono racontate anche “le conseguenze odierne delle leggi proibizioniste coloniali“, con i congolesi che chiedono la depenalizzazione della pianta.

Per innumerevoli generazioni, infatti, la cannabis ha fatto parte della cultura congolese ed è tuttora la principale fonte di reddito per molte comunità.

congo the lost tale



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio