A Seattle ha aperto il primo rivenditore di cannabis legale dello stato di Washington, ed è stato subito preso d’assalto, con centinaia di persone in fila per entrare a comprare per la prima volta la cannabis senza preoccuparsi degli agenti di polizia posti a pochi passi di distanza. Un’avvenimento epocale che per ora coinvolge un solo rivenditore ufficiale, il “Cannabis city”, primo negozio ad avere ottenuto i permessi ad aprire. Ma presto i “coffee shop” del secondo stato americano ad aver legalizzato la cannabis, dopo l’apripista Colorado, dovrebbero raggiungere le 100 unità.

la fila in strada prima dell’apertura

cannabis city - fila in strada

la prima cliente consunta il banco

cannabis city bancone

cannabis city bustine

ogni busta da 3,5 gr venduta è registrata con un codice a barre

cannabis city - cassa
in posa con il trofeo per la stampa e poi in strada ad esultare

cannabis city - primo acquisto

cannabis city clienti esultanti
un video dell’apertura pubblicato su youtube

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.





7 Comments

  1. Ma che bello sembra quasi un sogno!!!

  2. Enrico Margelli says:

    In Italia .non la legalizzeranno mai ….la mafia non vuole ….paga i politici …perchè si oppongano……

  3. Francesco Ricaboni says:

    ma se e la mafia che la smercia e x qst che nn vogliono nn guadagnerrebbero iu

  4. in italia non la legalizzeranno mai perchè siamo i primi consumatori al mondo, e i piu bigotti falsi ipocriti, parlo dei fumatori, che temono per il lavoro per la famiglia per la fidanzata la sorella la zia il datore di lavoro il collega e quello del terzo piano mio cugino sbirro mio padre della digos mio nonno la patente ……

  5. Cavoli Miei says:

    USA…Prima iniziano la guerra a questa pianta per primi, utilizzando filmati inventati di sana pianta per convincere la gente della sua pericolosità; successivamente esportano questa concezione al resto del mondo…e ora si rimangiano tutto rendendola legale? Ipocriti, è colpa vostra se qui in Italia resterà illegale ancora per decenni!

  6. Secondo me la devono legalizzarla in italia cosi ci saranno piu posti di lavoro e tanti benefici.
    ma questi politici non capiscono nente la giudicano "groga" BASTARDI.

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.