Le coppie sposate che consumano marijuana hanno meno probabilità di utilizzare la violenza al loro interno. È quanto sostiene un gruppo di ricercatori dell’Università di Buffalo che hanno studiato per nove anni un campione di 634 coppie.

La ricerca scientifica è stata pubblicata sulla rivista americana Psychology of Addictive Behaviors e rappresenta il primo studio analitico sul rapporto tra cannabis e violenza domestica. I ricercatori hanno monitorato le coppie durante i primi nove anni di matrimonio, analizzando i casi di Ipv (Intimate partner violence) che racchiudono le violenze di tipo fisico, sessuale, psicologico, verbale ed economico.

Secondo le conclusioni pubblicate nella ricerca: “il consumo di marijuana da parte di almeno un partner all’interno della coppia ha generalmente comportato un tasso di Ipv meno frequente”. Ma non è tutto, infatti i tassi di violenza scendono ulteriormente se entrambi i coniugi utilizzano cannabis: “le coppie in cui entrambi i coniugi hanno utilizzato frequentemente marijuana – prosegue la ricerca – hanno dimostrato i livelli più bassi di Ipv“.

I ricercatori sottolineano come siano necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati, sostenendo come questi studi potrebbero avere “implicazioni potenzialmente importanti per la salute pubblica”.

Il dato della minor violenza all’interno delle coppie che utilizzano cannabis, è ancor più significativo di fronte ai risultati della relazione tra violenza e consumo di alcol. Analoghe ricerche condotte sui bevitori hanno infatti dimostrato come il consumo di alcolici all’interno della coppia fosse correlato ad un aumento delle violenze domestiche.

La ricerca condotta dai ricercatori americani non è la prima che dimostra come il consumo condiviso di cannabis possa giovare alla coppia sotto molteplici aspetti. Un’altra ricerca americana – pubblicata sulla rivista The journal of sexual medicine – ha infatti dimostrato come il consumo di cannabis sia anche correlato ad una migliore sintonia sessuale, aumentando frequenza e qualità dei rapporti.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.