AGGIORNAMENTO del 30.04.2021: L’articolo qui presente è stato revisionato e contiene ora i link alle fonti. A breve pubblicheremo nuovi approfondimenti sulla questione coinvolgendo esperti in materia che ci aiuteranno a fare chiarezza su un tema che ha suscitato molte reazioni, anche forti, sui nostri canali social. Pochi argomenti al mondo polarizzano più del dibattito tra chi è a favore dell’energia nucleare e chi avanza dubbi e critiche. Ed è comprensibile perché intorno all’energia girano interessi enormi. Geopolitici, strategici, economici. Su un punto c’è accordo: per salvare il clima occorre abbandonare al più presto l’utilizzo di fonti fossili. Petrolio, carbone e gas naturale devono diventare il passato. Su altre fonti, come il nucleare, il dibattito resta aperto e il nostro intento, come sempre, è quello di offrire ai nostri lettori opinioni e punti di vista diversi tra loro.

Che quella nucleare sia in assoluto una fra le fonti energetiche più insostenibili per l’ambiente, pericolose per l’uomo e costose sotto il profilo economico è un dato di fatto che dovrebbe risultare evidente a chiunque abbia studiato almeno un poco l’argomento.

Anche se si volesse considerare basso (pur non essendolo) il rischio di una contaminazione radioattiva innescata dalla fusione di uno o più reattori, così come purtroppo avvenuto nelle tragedie di Chernobyl e Fukushima di cui ancora oggi si ignora il reale impatto sulla salute umana e la biosfera, il vero problema dell’energia nucleare, sia dal punto di vista ambientale che da quello economico rimane quello della gestione delle scorie radioattive, parte delle quali sono destinate a rimanere pericolose per 250mila anni, una lunghezza temporale che travalica qualsiasi nostra immaginazione.

Se per le scorie a bassa e media intensità, destinate a mantenere la propria radioattività rispettivamente per qualche decina o centinaia di anni, i progetti di stoccaggio all’interno di formazioni geologiche profonde possono essere suffragati da un minimo di credibilità, ben differente è invece il problema concernente quelle ad alta intensità (plutonio) dal momento che nessuno oggi potrebbe essere in grado di prevedere i cambiamenti morfologici che interverranno sul pianeta nell’arco di centinaia di migliaia di anni. Quello che ai giorni nostri potrebbe apparire come un luogo sicuro, fra qualche migliaio di anni potrebbe non esserlo affatto e dovrebbe essere impossibile restare indifferenti di fronte all’eredità di morte che per forza di cose lasceremo in dote alle generazioni future proseguendo su questa strada.

Ogni reattore produce annualmente 30 tonnellate di scorie radioattive ad alta intensità e lo smantellamento di una centrale nucleare al termine della propria vita operativa produce una quantità di scorie tre volte superiore rispetto a quelle prodotte durante i 40 anni della propria attività. Per smantellare le centrali nucleari europee e stoccare (non mettere in sicurezza) le relative scorie è stato calcolato dalla commissione UE che servirebbero 268 miliardi di euro, cifra che renderebbe pesantemente antieconomico l’uso dell’atomo se confrontato a qualsiasi altra fonte energetica.

Nonostante tutte queste evidenze, gli esperti incaricati dalla UE di studiare l’energia nucleare al fine di valutarne l’inserimento all’interno degli investimenti sostenibili, hanno prodotto un rapporto che suggerisce di etichettare l’energia atomica come un investimento verde basato su un combustibile sostenibile. A sostegno della propria tesi gli esperti del Joint Research Center della Commissione UE sugli investimenti sostenibili hanno rilevato che secondo le loro analisi non esisterebbe alcuna prova scientifica che l’energia nucleare arrechi più danni alla salute umana o all’ambiente rispetto alle altre tecnologie con cui viene prodotta l’elettricità e che lo stoccaggio dei rifiuti nucleari all’interno di formazioni geologiche profonde sarebbe ritenuto appropriato e sicuro.
Adesso il rapporto in questione verrà esaminato da due comitati di esperti, un modo elegante per dire che si attenderà l’esito del braccio di ferro fra Paesi favorevoli e scettici nei confronti del nucleare, prima che la Commissione Ue prenda una decisione definitiva.

Indipendentemente da quella che risulterà la decisione finale, il solo fatto che l’Unione Europea prenda in considerazione l’inserimento dell’energia nucleare fra le tecnologie che potranno ricevere aiuti dal fondo per la transizione equa all’interno del Green Deal, dimostra inequivocabilmente la qualità e la credibilità con la quale l’Europa intende creare quella “svolta verde” che in realtà, comunque la si voglia dipingere, sarà invece di ben altro colore.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.