Il THCP è un cannabinoide appena scoperto. È psicotropo, 33 volte più attivo del THC e a dosi più basse e ha una maggior attività farmacologica. Ma soprattutto è un grande orgoglio il fatto che la scoperta sia italiana, fatta da un gruppo di ricercatori guidati dal professor Giuseppe Cannazza.

Un team di ricercatori italiani guidati dal professor Giuseppe Cannazza è l’autore della scoperta di un nuovo cannabinoide, il THCP, raccontato con uno studio scientifico su Scientific Reports, un giornale online che fa parte del network di Nature.

Estratto da una varietà di cannabis Sativa e più precisamente dalla FM2 prodotta a Firenze, il nuovo fitocannabinoide ha un’attività farmacologica in vivo superiore a quella del THC.

«Nel tentativo di definire il profilo dei fitocannabinoidi che caratterizza una varietà di cannabis medicinale», si legge nell’abstract dello studio, «è stato identificato un nuovo fitocannabinoide con la stessa struttura di Δ9-THC ma con una catena laterale alchilica a sette termini. Il composto naturale è stato isolato e completamente caratterizzato e la sua configurazione stereochimica è stata assegnata per corrispondenza con lo stesso composto ottenuto da una sintesi stereoselettiva. Questo nuovo fitocannabinoide è stato chiamato (-)-trans-Δ9-tetraidrocannabiforolo (Δ9-THCP). Insieme con Δ9-THCP, il corrispondente cannabidiolo (CBD) omologato con sette-termine lato catena alchilica (CBDP) è stato anche isolato e inequivocabilmente identificato».

Non solo, perché: «Nel test farmacologico della tetrade dei cannabinoidi, Δ9-THCP ha indotto ipomotilità, analgesia, catalessi e diminuzione della temperatura rettale, indicando un’attività cannabimimetica simile al THC».

L’importanza di questa scoperta sta anche nel fatto che: «La presenza di questo nuovo fitocannabinoide potrebbe spiegare le proprietà farmacologiche di alcune varietà di cannabis difficili da giustificare con la presenza del solo Δ9-THC».

Siccome si aspettavano che: «Il THCP fosse dotato di un’affinità di legame ancora più elevata per il recettore CB1 e di una maggiore attività cannabimimetica rispetto al THC stesso», al fine di investigare questi aspetti farmacologici del THCP e la sua affinità di legame per il recettore CB1 lo hanno testato e «la sua attività cannabimimetica è stata valutata con i test comportamentali nei topi».

risultati biologici ottenuti nel test di legame in vitro hanno indicato un’affinità per il recettore CB1 più di trenta volte superiore rispetto a quello riportato per Δ9-THC in letteratura. Inoltre, secondo i ricercatori «questi dati incoraggianti sono stati supportati dalla valutazione in vivo dell’attività cannabimimetica con il test tetrad, dove Δ9-THCP ha diminuito l’attività locomotoria e la temperatura rettale, ha indotto la catalessi e ha prodotto analgesia mimando le proprietà degli agonisti dei recettori CB1 completi. In particolare, il Δ9-THCP si è dimostrato attivo quanto il Δ9-THC, ma a dosi più basse. Infatti, la dose minima di THC usata in questo tipo di test è di 10 mg/kg, mentre Δ9-THCP è risultato attivo a 5 mg/kg in tre dei quattro test».

Fonte: cannabisterapeutica.info





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.