SmileyBalls2

La felicità e lo “sballo” dato dall’erba passano nel nostro cervello per lo stesso percorso.
 Un gruppo scienziati giapponesi ha misurato i livelli di felicità di quasi 200 persone scoprendo che la variazione di un gene le portava a provare una maggiore ampiezza di emozioni positive e avevano un più alto livello di felicità soggettiva.

Il gene è stato identificato nei recettori CB1, gli stessi recettori responsabili dell’effetto del THC nel cervello, dove sono altamente concentrati, e che regolano appetito, dolore, umore e memoria. «I genotipi del recettore 1 dei cannabinoidi nell’uomo sono strettamente legati a due aspetti della felicità», hanno scritto nello studio pubblicato il mese scorso sulla rivista Plos One. Secondo il team un polimorfismo del gene del recettore CB1, chiamato allele citosina, può migliorare la risposta di un individuo ai cannabinoidi. Nella cannabis ne sono presenti più di 60, ma per questo studio non è stato necessario che qualcuno fumasse, perché il nostro stesso corpo produce naturalmente i suoi cannabinoidi, del tutto simili a quelli prodotti dalla pianta. Questi composti naturali agiscono su diverse regioni del cervello legate alla felicità e sembrano funzionare come regolatori dell’umore.

E’ bello notare come uno dei primi cannabinoidi scoperti negli esseri umani, l’anandamide, prende il nome dalla parola sanscrita ananda, che significa felicità, beatitudine. Secondo i ricercatori, l’essere più inclini agli effetti dei cannabinoidi e, di conseguenza, alle emozioni positive, è un meccanismo che può spiegare perché gli individui con il polimorfismo siano generalmente più felici.

Per concludere viene spiegato che gli individui con la variante del gene CB1 hanno probabilmente: «Un’elevata sensibilità per eventi emotivi positivi che possono essere più abbondante per questi individui rispetto ad altri».





One Comment

  1. Valeria Gabriele says:

    capito come!!??

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.