sentenza giudiceNell’agosto del 2013 era finito in manette dopo che nel giardino della sua casa di Savona, i carabinieri avevano rinvenuto una sola pianta di marijuana oltre a 214 grammi della stessa sostanza dentro all’abitazione. Ma l’imputato, un uomo di 34 anni, era malato di cancro e si stava sottoponendo a cicli di chemioterapia: la cannabis era quindi per uso personale a fini terapeutici. Il legale dell’uomo, l’avvocato Alessandro Stipo, aveva quindi chiesto l’assoluzione al giudice in quanto non vi era alcuna attività di spaccio e la coltivazione serviva allo scopo di alleviare gli effetti collaterali della chemioterapia.

ASSOLTO, MA COMUNQUE CONDANNATO. La sentenza del tribunale di Savona appare paradossale: pur avendo riconosciuto l’imputato non colpevole di spaccio ed avendo valutato positivamente la documentazione presentata dal suo legale che testimoniava la condizione clinica dell’uomo e il suo utilizzo della cannabis a fini terapeutici, il giudice lo ha comunque condannato a 6 mesi di reclusione e 1500 euro di multa per coltivazione illegale di cannabis. “Il paradosso di queste sentenze – spiega l’avvocato Carlo Alberto Zaina – riposa nel fatto che la detenzione viene ritenuta lecita (e nella stragrande maggioranza dei casi è successiva alla coltivazione ed attiene a prodotti della coltivazione stessa), mentre l’attività di coltura invece, viene censurata”.





2 Comments

  1. Mario Maida says:

    senza parole….

  2. A volte bisognerebbe usare di più il buon senso che il codice….maaaaah!

Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.