i Capitani Reggenti di San Marino

Il Parlamento di San Marino ha approvato un’istanza che impegna il governo a non legalizzare la cannabis a meno che la stessa cosa non avvenga anche in Italia. La proposta ha mandato in crisi la coalizione di governo tra Partito Democratico Cristiano e Movimento Civico R.E.T.E., con i primi che hanno votato a favore della mozione che blocca la legalizzazione, mentre il movimento R.E.T.E. ha cercato di difendere la legalizzazione. Alla fine la mozione che blocca la legalizzazione è passata con cinque voti di scarto.

L’Istanza d’arengo – questo il nome in cui a San Marino viene chiamata questo genere di proposta legislativa, che è presentata direttamente da un gruppo di cittadini al parlamento – proponeva che “la regolamentazione che il Consiglio Grande e Generale dovrà produrre riguardo all’uso ricreativo della cannabis, […] non preveda forme di maggior liberalizzazione rispetto a quella italiana, per tutte le conseguenze negative che questa scelta potrebbe comportare”.

In particolare si sottolinea nell’istanza come approvare la legalizzazione avrebbe potuto comportare problemi “alla libera circolazione degli uomini e delle merci”, con il concreto rischio che l’Italia avrebbe potuto ripristinare i controlli doganali al confine con la piccola Repubblica indipendente.

L’istanza contro la legalizzazione va così a sovrapporsi ad un’altra istanza di segno opposto che era stata approvata solo 5 mesi fa chiedendo al governo di legalizzare la cannabis. Nel frattempo però ci sono state le elezioni che hanno riportato al governo i democratici cristiani e l’istanza per la legalizzazione sembra destinata, almeno per ora, a tornare chiusa in soffitta.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.