Per la prima volta nella storia, l’uso umano e l’inquinamento delle acque dolci hanno raggiunto un livello in cui la carenza idrica limiterà potenzialmente la produzione di cibo, la funzione degli ecosistemi e l’offerta urbana nei decenni a venire. Il motivo principale di questa carenza è la crescita della popolazione, che è aumentata ad un ritmo più rapido rispetto alla produzione di cibo per alcuni anni e aggiungerà fino a 3 miliardi di persone in più entro la metà del ventunesimo secolo, principalmente nei paesi poveri e a corto d’acqua. Il degrado della qualità dell’acqua ha anche contribuito in modo significativo a una serie di problemi di interesse globale, tra cui l’approvvigionamento di acqua potabile umana e la sopravvivenza delle specie.

Ad oggi, circa 1,1 miliardi di abitanti del pianeta non hanno accesso all’acqua potabile e 2,6 miliardi non dispongono di servizi igienico-sanitari. L’inquinamento idrico è una delle principali cause di morte in tutto il mondo e trasmette o supporta numerose malattie debilitanti per le popolazioni costrette a bere acqua contaminata. L’agricoltura è di gran lunga il principale utilizzatore di acqua dolce in tutto il mondo e rappresenta quasi l’85% del consumo globale. A causa della crescente domanda, dovremo aumentare la produzione alimentare di quasi il 50% nei prossimi 50 anni per mantenere l’attuale offerta pro capite, supponendo che la produttività dei terreni agricoli esistenti non diminuisca. Inoltre, dovremo aumentarlo di molto di più se vogliamo anche alleviare la malnutrizione tra i membri più poveri della nostra attuale popolazione. Per una serie di ragioni, l’espansione fattibile dell’agricoltura irrigua sarà in grado di soddisfare solo una parte di questa crescente domanda, e il resto deve provenire da un aumento della produttività dell’agricoltura irrigata dalla pioggia. In assenza di una pianificazione coordinata e di una cooperazione internazionale su scala senza precedenti, il prossimo mezzo secolo sarà afflitto da una serie di gravi problemi legati all’acqua, minacciando il benessere di molti ecosistemi terrestri e compromettendo drasticamente la salute umana, in particolare nelle regioni più povere del mondo.

L’acqua è quindi al centro della maggiore delle sfide di sostenibilità che gli esseri umani devono affrontare nell’era moderna, coinvolgendo aspetti su più scale, settori e agenti.

Per riuscire in questa impresa, diversi approcci sono stati proposti, tra questi è interessante quello della socio-idrologia che vuole concentrarsi sulla comprensione e l’interpretazione dello scenario di sviluppo dei flussi e delle riserve nel ciclo dell’acqua modificato dalla presenza umana nello spazio e nel tempo.

L’appropriazione umana delle risorse idriche e la modificazione dei paesaggi esercitano infatti un’influenza accelerata sulle dinamiche del ciclo dell’acqua, dalle scale locali a quelle globali e dalle decadi ai secoli. Esempi di problemi mondiali che continuano a tormentare scienziati e responsabili politici includono: compromessi con gli ecosistemi, energia idroelettrica e mezzi di sussistenza nei vari bacini, come quello del Mekong; effetti di insediamenti umani in aree a rischio di idrogeologico e aumento del rischio di inondazioni e delle vittime, come in Africa e non solo; l’espansione delle zone ipossiche nel Golfo del Messico a seguito del carico di nutrienti nelle sorgenti d’acqua del fiume Mississippi.

A causa dell’urgenza di questi problemi, la dottrina contemporanea dovrebbe attingere alle scienze naturali, alle scienze sociali e alle discipline umanistiche, per comprendere al meglio le dinamiche derivanti dall’accoppiamento bidirezionale tra acqua e uomo, in ciascun caso.

Gli attuali approcci allo studio delle sfide della sostenibilità idrica mancano di potere esplicativo e predittivo a causa dell’inadeguata trattazione dei dati a due vie, tra i sistemi umano e idrico. Questo provoca paradossi, che frustrano gli sforzi per risolvere i problemi in modi socialmente rilevanti. Inoltre, la mancanza di potere predittivo su scale temporali lunghe o scale spaziali estese produce modelli tecnici semplificati – spesso incoerenti – e quindi poco utili.

Uno di questi paradossi riguarda il commercio di acqua virtuale. Quando è stato introdotto il concetto di acqua virtuale, vale a dire la quantità di acqua dolce necessaria per produrre e commercializzare una merce o un prodotto, alimenti inclusi, molti ricercatori hanno predetto che il commercio globale di materie prime si sarebbe auto-organizzato per alleviare lo stress idrico. Questo è risultato essere vero su scala globale. Ad esempio, nel 2008, il commercio globale di alimenti di base ha permesso di risparmiare circa 238 km3/anno, un raddoppio in meno di 20 anni. Tuttavia, molte relazioni commerciali locali e regionali portano ad esiti irrazionali delle risorse idriche. Ad esempio, il commercio di generi alimentari dalla Cina settentrionale a quella meridionale equivale a un flusso d’acqua virtuale di 52km3/anno, più della reale richiesta di trasferimento idrico dal sud al nord. Questo esito paradossale può essere spiegato solo quando si prendono in considerazione le norme e i valori locali che privilegiano la sicurezza alimentare rispetto ai risultati ambientali avversi e si tiene conto della struttura combinata di vincoli di terra, lavoro, energia, ecologia e acqua. È chiaro che per capire perché il commercio risparmia acqua su scala globale, ma non necessariamente su scale regionali e locali, è essenziale considerare i fattori sociali alla base della produzione e del commercio agricoli.

Altro paradosso è quello dell’ecienza. L’efficienza nell’uso delle risorse è stata considerata un “vangelo” inattaccabile. Una serie di pratiche e tecnologie per aumentare l’efficienza dell’irrigazione e risparmiare acqua si sono dimostrate efficaci a livello delle aziende agricole. Tuttavia, l’efficienza presenta un paradosso quando viene valutata su larga scala perché l’acqua “sprecata” a monte diventa spesso fornitura a valle. Senza le norme che regolano il modo in cui l’acqua risparmiata deve essere riallocata, lasciandola nel corso d’acqua o proteggendo gli utenti delle acque a valle, l’efficienza può solo aumentare l’uso totale dell’irrigazione, peggiorare le disuguaglianze e privare gli ecosistemi dei flussi necessari. L’effetto dell’efficienza dell’aumento dell’uso delle risorse è particolarmente evidente in tutti quegli ambiti in cui i miglioramenti in un settore producono conseguenze in un altro. Un esempio illustrativo è l’uso accoppiato di acqua ed energia in Messico, dove elettricità efficiente e sovvenzionata è stata fornita per pompare le acque sotterranee per l’irrigazione con l’effetto involontario di aumentare il pompaggio di 4,9 km3/anno (25% di pompaggio delle acque sotterranee agricole), accelerando l’esaurimento delle falde acquifere.

Infine, un ultimo esempio di paradosso riguarda il picco di acqua. Si presume infatti che il consumo di acqua aumenti con la crescita economica della domanda. Eppure molte parti del mondo stanno sperimentando un calo nell’uso di acqua umana nonostante una crescita economica sostenuta. Nel bacino del Murrumbidgee in Australia, la costruzione di una serie di dighe iniziata negli anni ’20 ha stimolato un’espansione dell’agricoltura irrigua, accompagnata da una crescita della popolazione e delle esportazioni agricole. Nel 1980, le estrazioni dai flussi erano quasi il 100% dei flussi naturali durante i periodi di flusso basso. Tuttavia nel 2000, una prolungata siccità, una maggiore consapevolezza ambientale e una diminuzione dell’agricoltura come una frazione dell’economia nazionale hanno portato a una brusca inversione di questa tendenza. Un simile cambiamento nella struttura e nella dinamica dell’estrazione dell’acqua nel bacino del Murrumbidgee può essere spiegato solo se si considerano le mutevoli norme che regolano il valore relativo attribuito all’acqua utilizzata in agricoltura rispetto all’acqua nel flusso.

Gli attuali approcci non sono in grado di spiegare e prevedere le conseguenze dei paradossi di cui sopra, sfociando in risultati di gestione delle risorse idriche insostenibili. Sfortunatamente, questi paradossi non sono esclusivi di un singolo sito di studio o di un singolo caso, ma si verificano in una serie di luoghi. Ad ogni modo, tuttavia, una volta ampliati i quadri di analisi, è possibile migliorare le nostre capacità esplicative e di sviluppo di uno scenario quanto più possibile verosimile e quindi utile a ed evitare danni irrimediabili.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.