Il piano per espandere l’aeroporto di Bristol fino ad accogliere 12 milioni di passeggeri all’anno è stato respinto sulla base di preoccupazioni ambientali.

Con 18 voti a favore, 7 contrari e un astenuto, la richiesta non è passata al vaglio del Consiglio del North Somerset, l’autorità che ha potere decisionale sul territorio. In un rapporto di 175 pagine i responsabili della pianificazione avevano raccomandato l’approvazione dell’espansione a condizione che l’aeroporto soddisfacesse determinate condizioni per garantire i necessari miglioramenti in termini di trasporto, collegamenti e altri aspetti legati all’impatto ambientale, incluso un livello sotto controllo di inquinamento acustico.

Se il rigetto del piano verrà confermato nella prossima riunione del consiglio, l’aeroporto di Bristol avrà sei mesi per presentare ricorso. Il rifiuto del Consiglio è arrivato dopo che Extinction Rebellion ha organizzato una protesta di tre giorni contro il piano di espansione.

Oggi l’aeroporto gestisce un flusso di oltre 8 milioni di passeggeri. “Ciò che il Consiglio ha tenuto in considerazione – ha dichiarato Don Davies, leader del North Somerset Council –  è che i danni ambientali legati all’espansione dell’aeroporto superano di gran lunga i vantaggi di questa operazione. So che alcune persone saranno in disaccordo con questa decisione e sono sicuro che potremo riprendere in considerazione in futuro questo progetto quando l’industria degli aerei sarà avanti nel processo di decarbonizzazione e i collegamenti di trasporto pubblico con l’aeroporto saranno molto più efficienti“.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.