Il punto critico

Rock & lento

MILO MANARA REALIZZERA UNA BIOGRAFIA ANIMATA DI ADRIANO CELENTANO PER SKYAdriano Celentano ha portato in Italia l’America, la giovinezza, la ribellione, la velocità – ancora non si chiamava ‘rock’, quella musica, e ancora doveva scoppiare il Sessantotto, e i ragazzi giravano in giacca e cravatta e le ragazze non facevano quasi mai l’amore prima del matrimonio e la televisione era in bianco e nero e aveva un solo canale: il Nazionale.

Celentano per primo ha incrinato quell’equilibrio che pareva perfetto, e portando la ribellione giovanile da noi, seppur nella forma della canzonetta, ha segnato una rottura pari a quella di Elvis in America: capelli lunghi, balli “osceni”, allusioni sessuali… Con Celentano – come con Elvis – il diavolo della musica nera s’impossessa del corpo di un bianco e, per quanto edulcorato e addomesticato, mantiene intatto un sapore di lascivia e di trasgressione che segnerà per sempre gli anni a venire.

Oggi quella ribellione ci appare un po’ ridicola, e molti atteggiamenti o modi di fare ci sembrano scontati e acquisiti da sempre. Ma non è affatto così.
La questione, semmai, è che cosa Celentano significhi oggi, e perché venga considerato un alfiere della libertà. La prima ragione è ovvia: la televisione pubblica italiana è talmente conformista e benpensante, che basta davvero poco per produrre un programma ‘eversivo’. Ma c’è almeno un’altra ragione, che ha a che fare con l’ormai popolarissimo gioco del “rock” e del “lento”. E’ il vecchio gioco della Torre, o del Giudizio universale: e funziona sempre. Perché consente di dividere il mondo in buoni e cattivi, e di consumare così qualche piccola grande vendetta. “Rock” e “lento” sono dunque diventati il nuovo tormentone nazionale, e le categorie fondamentali attraverso cui misurare e giudicare il mondo.

E l’erba? E’ rock, naturalmente e qualcuno potrebbe persino sostenere che è hard rock; ma è anche lenta, l’erba, quantomeno perché la lentezza, oggi, è molto rock. Il limite di Celentano e di ogni gioco della Torre è proprio questo: sforzandosi a tutti i costi di dividere il mondo in bianco e nero, finisce con il perdere di vista la complessità, e la bellezza, dell’arcobaleno. L’erba, come molte delle cose buone della vita, non è né rock né lenta. E’ jazz. L’erba non si atteggia a trasgressiva perché vuole stupire o creare scandalo o fare la rivoluzione, ma è percepita come trasgressiva semplicemente perché procura piacere. Ama i piccoli gruppi, le conversazioni sottovoce, le affettuosità e le intimità. L’erba allude ad un’ideale di vita rilassato, comunitario, anarchico; ma è abbastanza realista per sapere che il mondo funziona in un altro modo, e che non ha molto senso metterlo a ferro e fuoco. L’erba insomma è tollerante: e la tolleranza è probabilmente il più grande dei principi liberali.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Cerca anche
Close
Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.