Prendete una serie di segnalazioni per il troppo inquinamento acustico, 45 tonnellate di CO2 emesse all’anno, il tutto generato esclusivamente da server e dal loro sistema di raffreddamento e cercate una soluzione green.

E’ quanto affrontato dalla società Stimergy, che ha risolto aggiungendo all’equazione una piscina da riscaldare nel cuore di Parigi, facendo tutti felici.

La piscina del quartiere Butte-aux-Cailles a Parigi è parte integrante di un impianto per lo stoccaggio dati. Di fatto questi grandi server generano una quantità molto alta di calore e vanno mantenuti a una temperatura controllata, solitamente tramite un sistema di ventole ed aria condizionata a metano. In questo caso i macchinari vengono raffreddati a zero emissioni, e senza la necessità di utilizzare del carburante, semplicemente posizionando i data center nel locale tecnico della piscina comunale e utilizzando l’acqua come mezzo di raffreddamento.

L’enorme quantità di calore prodotta dai server verrebbe altrimenti dispersa e con ulteriori costi; in questo sistema l’acqua della piscina rimane a una temperatura di 27 gradi, viene risolto sia il problema acustico sia quello economico offrendo un servizio in più agli abitanti.

Spesso le soluzioni sostenibili risultano essere anche quelle più economiche, il difficile è riuscire a modificare il nostro modo di vedere i problemi, cambiando prospettiva, senza appellarsi di continuo ai combustibili e derivati, ricadendo nel circolo vizioso che caratterizza le scelte degli ultimi decenni e di cui stiamo iniziando a subire gli effetti collaterali.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.