Libri e guide

Riflessioni sulla pena di morte

stor_1544452_04210Le discussioni sulla pena di morte non si sono ancora fermate, continuano in un moltiplicarsi di voci e opinioni tra le quali ritengo si distingua in questo piccolo libricino uno dei ragionamenti meglio condotti su questo argomento. Uscita nel 1957 sulla “Nouvelle revue française” e tradotta in Italia nel 1958, l’opera di Albert Camus lancia una condanna profondamente motivata della pena capitale, evidenziandone la vanità d’ogni presunto potere correzionale o intimidatorio con cui lo stato erige le sue giustificazioni. La condanna a morte non può funzionare come esempio per i potenziali criminali in quanto viene eseguita di nascosto e mascherata sui giornali con la retorica borghese.

Il prezzo che un condannato a morte paga per avere ucciso è sempre troppo alto, non viene soltanto ammazzato ma fatto marcire per mesi in prigione in preda alla paura e alla speranza di una grazia, – “sapere che si morirà non è nulla, ma non sapere se si vivrà, è questo il terrore e l’angoscia” scrive un condannato di Fresnes – in un processo che appare molto meno umano dello stesso omicida.

a cura di Giampaolo Berti





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button