carceri

Lo sapevate che vi sono carceri dove la doccia non si può fare tutti i giorni? Sul serio, non è una battuta! E guarda caso di solito sono i più vetusti ed affollati, quelli dove l’impianto idraulico soffre di croniche disfunzioni e di mancanza di pressione.

Una delle valvole di sfogo per i prigionieri è l’attività fisica che, una o due volte la settimana diventa la partita di calcio in cui attraverso il sudore e del sano agonismo, si espelle un po’ del veleno accumulato. I campi da calcio spesso non hanno che qualche filo d’erba negli angoli meno battuti, dato che l’uso del campo è a rotazione per le varie sezioni e quindi usato sette giorni su sette e di conseguenza ne risulta improponibile la manutenzione.

Ebbene, vi sono istituiti nei quali spesso capita che, alla fine di una partita di calcio giocata sulla terra battuta, i detenuti sporchi e impolverati salgano in sezione e la guardia di turno gli annuncia che in doccia non c’è acqua. Riuscite ad immaginare la temperatura che si raggiunge nei cubicoli esposti al sole, fatti di cemento armato e sbarre di ferro e nei quali basta un refolo d’aria per farti sentire in paradiso anche se sei in galera? In questi cubicoli di 4 metri per 2, progettati per una persona ma utilizzati come minimo per due, spesso si “vive” in quattro e quando la stagione diviene rovente, la doccia diventa un piccolo indulto giornaliero.

Anche negli istituti dove gli impianti fanno il loro dovere la doccia è scandita da regolamenti dettati in base ad esigenze di sicurezza che ne impediscono l’uso in alcuni orari ed a troppe persone contemporaneamente. Non credo abbiate idea di quanto possa essere tremendo il non potersi lavare il culo quando ne avete bisogno. Sono da tempo convinto che, nel corso del ciclo di studi che porterà un uomo ad essere titolare del giudizio in terra, dovrebbe essere contemplato un breve periodo di reclusione, cosicché vi sia in lui maggior cognizione di causa.

In doccia si va con le mutande addosso in quasi tutti i carceri, ed anche se non lo trovo proprio così giusto, capisco possa essere un modo per esercitare una forma di pudore nell’ambiente in cui se ne è più privati al mondo. In doccia ci si lavano pure i calzini e la biancheria intima, le magliette e le tute, dato che i locali lavanderia sono contemplati solo sulla carta e non v’è corrispondenza nella realtà. Alla luce di questo e di molto altro, spero che non debba trascorrere un’altra rovente stagione di battitura dei ferri, senza che nessuno abbia il coraggio dopo così tanti anni, di concedere l’amnistia che tutti stiamo aspettando.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.