Ambiente e natura

Rewilding: l’ambientalismo del futuro?

«Oggi sappiamo che ben poco di quanto facciamo è privo di conseguenze ambientali. Amplificando le nostre vite, la tecnologia ci ha concesso un potere sul mondo naturale che non possiamo più permetterci di utilizzare. Oggi, in ogni cosa che facciamo, dobbiamo essere consapevoli della vita degli altri, cauti, vincolati, meticolosi: non possiamo più vivere come se non ci fosse un domani».

 Questa frase condivisibile, quasi banale, è di George Monbiot, che poi nel libro “Selvaggi” fa quello che non ti aspetti: lancia una sfida radicale ad alcuni modelli conservazionisti propri dell’ambientalismo come lo conosciamo. La proposta dello scrittore britannico è quella di smetterla con il “conservare” per permettere invece ai processi ecologici di rimettersi in moto. In inglese c’è una parola per indicare questa prospettiva ed è rewilding – la traduzione “rinaturalizzazione” non rende giustizia perdendo qualla sfumatra “selvaggia” che è invece fondamentale.

«In paesi come il mio, il movimento ambientalista, seppure ben intenzionato, ha cercato di congelare nel tempo i sistemi viventi. Vuole evitare che animali e piante lascino o entrino, in determinati ambienti. Ha tentato di gestire la natura come si bada a un giardino».

La tesi del libro pubblicato nel 2013 ma solo nel 2018 in Italia, edito da Piano B edizioni, implica che l’uomo faccia un passo indietro e ridimensioni la sua visione antropocentrica. Una nuova direzione che secondo Monbiot proprio l’Europa sarebbe chiamata a intraprendere per prima puntando sul ritorno della sua grande fauna estinta. L’autore non propone di confiscare terre produttive all’uomo per restituirle alla natura, bensì lasciare alla rinaturalizzazione quelle aree poco produttive nelle quali l’agricoltura resiste solo grazie ai sussidi.

Rewilding significa lasciare alla natura la possibilità di autodeterminarsi senza sapere esattamente cosa ne emergerà. Siete pronti all’avventura?

 

 

 

 

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.