Credo abbia fatto bene Sigfrido Ranucci a promettere ulteriori chiarimenti nella prossima puntata di Report. La puntata sui vaccini non è stata il massimo in quanto a chiarezza su di un tema tanto controverso e difficile.

Detto ciò, il can can seguito alla messa in onda dell’inchiesta ha davvero dell’allucinante. Un conto è la giusta critica e preoccupazione per un’informazione ritenuta non adeguata e parziale, altro l’accusa di aver contribuito alla crescente confusione su certi temi. Scherziamo?

La comunità scientifica che in questi giorni si è strappata i capelli è in gran parte quel coro silente, colpevolmente silente, che non ha mosso un dito in questi ultimi decenni di fronte agli sconvolgenti cambiamenti che hanno investito il campo della salute trasformato in un business finanziario come tanti altri.

La credibilità della ricerca scientifica applicata alla salute umana è stata messa in discussione dalla sua disponibilità al business, non certo dalle critiche, ahimè ben poche, al suo operato. Ed il campo dei vaccini è stato quello più afflitto dalle nuove regole del gioco.

Ricordate l’influenza dei polli? Un allarme generalizzato, paura fatta montare a mille, promessa di salvezza attraverso un farmaco acquistato dai governi di mezzo mondo ed assolutamente inutile e pure dannoso.

L’industria farmaceutica finanziarizzata ha bisogno di grandi momenti di crisi sanitaria per far affari e se le pandemie mancano, semplicemente si inventano.

Ben venga quindi un giornalismo sporco e cattivo che sollevi dubbi e ponga interrogativi e magari faccia risvegliare qualche coscienza in un mondo scientifico troppo spesso asservito ad interessi diversi da quelli della salute pubblica.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.