Antiproibizionismo

20 principi per una regolamentazione responsabile della cannabis

Una foglia di cannabis in evidenza e in sottofondo un martelletto da giudice

Il lungo dibattito sulla regolamentazione della cannabis negli ultimi anni s’è fatto sempre più acceso e articolato. Oggigiorno ci sono oltre 50 paesi che hanno legalizzato l’uso medico della cannabis, altri paesi invece ne hanno regolamentato anche l’uso ludico per adulti e presto molti altri seguiranno questi trend.

La regolamentazione della cannabis quindi si prefigura come la soluzione ideale per rimediare a decenni di illegalità e criminalizzazione ingiustificata, facendo però attenzione agli interessi individuali delle aziende che possono incidere negativamente sul mercato in questione.

Per scongiurare questi effetti indesiderati alcuni membri dell’International Drug Policy Consortium (IDPC), una rete globale che si concentra su questioni relative alla produzione, al traffico e al consumo di droga e promuove un dibattito obiettivo sull’efficacia delle politiche sulle droghe a livello nazionale e internazionale, hanno proposto 20 principi basati essenzialmente sulla giustizia sociale e l’inclusione dei diritti umani che dovrebbero essere sempre presenti in qualsiasi quadro normativo per i mercati della cannabis, sia per uso medico che ludico, e non solo.

SALUTE E DIRITTI UMANI PER LE PERSONE CHE USANO DROGHE

1. Proteggere i diritti
I mercati regolamentati garantiscono la salute e la protezione dei consumatori. La regolamentazione difende i diritti delle persone che fanno uso di droghe, mentre le leggi riguardo il lavoro proteggono i lavoratori del settore dallo sfruttamento.

2. Salute pubblica e riduzione del danno 
La regolamentazione può essere un potente strumento di riduzione del danno. Riduce la criminalizzazione nei confronti delle persone che fanno uso di droghe consentendo l’accesso ai servizi sanitari e garantendo una fornitura sicura delle sostanze stupefacenti.

3. Autonomia, libertà e privacy
Le regolamentazioni dovrebbero cercare un giusto equilibrio tra i diritti individuali di autonomia, privacy e la protezione della salute pubblica. Tutte le restrizioni devono essere basate su delle prove.

4. Accesso basato sui bisogni
Per diventare una valida alternativa al mercato illegale, i mercati regolamentati hanno bisogno di essere accessibili e rispondere ai bisogni dei consumatori, includendo anche gli utilizzatori di prodotti farmaceutici a base di cannabis.

GIUSTIZIA SOCIALE

5. Coinvolgimento comunitario
I sistemi legali dovrebbero essere aggiornati attraverso le conoscenze accumulate dalle persone coinvolte nei mercati attualmente illegali, dai coltivatori alle persone che trasportano, vendono e usano cannabis.

6. Transizione alla legalità
I mercati regolamentati garantiscono la salute e la protezione dei consumatori. La regolamentazione difende i diritti delle persone che fanno uso di droghe, mentre le leggi riguardo il lavoro proteggono i lavoratori del settore dallo sfruttamento.

7. Coltivatori in piccola scala
Al fine di garantire la sussistenza dei tradizionali coltivatori di cannabis, le normative legali dovrebbero dare priorità alla partecipazione degli stessi nella produzione ed assicurarsi che non siano sostituiti da nuovi operatori privati.

8. Risarcimento, soddisfazione e non-ripetizione
I quadri giuridici devono includere i risarcimenti per le persone che hanno subito la proibizione e la violazione dei diritti, inoltre dovrebbero destinare risorse per le persone che sono ingiustamente colpite dagli effetti delle restrizioni.

9. Usi tradizionali
Le regolamentazioni dovrebbero tenere conto dell’alto valore storico, tradizionale, culturale, religioso e medico della cannabis e assicurarne la preservazione.

COMMERCIO EQUO E INCLUSIVO

10. Modello economico inclusivo
I mercati legali dovrebbero cercare di distribuire potere e valore a tutta la filiera attraverso l’abilitazione dei modelli di business alternativi che responsabilizzano le comunità.

11. Diritti dei lavoratori
In un sistema legale i lavoratori devono godere di tutti i diritti del lavoro che possono essere rafforzati attraverso un sistema formale di supervisione.

12. Massimizzare il valore
I politici devono lavorare al fianco dei produttori e degli utilizzatori per sviluppare sistemi innovativi di certificazione che rafforzino la competitività dei produttori di piccole e medie dimensioni.

13. Sfida al commercio internazionale
I politici dovrebbero riflettere su come rimuovere le barriere legali che impediscono il commercio internazionale dei prodotti a base di canapa non medicale e allo stesso tempo proteggere i coltivatori tradizionali dell’introduzione di capitali esteri.

14. Ambiente e sostenibilità
Per affrontare i potenziali danni ambientali, i quadri giuridici devono includere normative rigorose, come ad esempio l’utilizzo di materiali riciclabili per il confezio namento, al fine di promuovere pratiche sostenibili su tutta la filiera.

COMPORTAMENTO CIRCA LE ATTIVITÀ AL DI FUORI DEL MERCATO LEGALE

15. Decriminalizzare l’uso di droghe e attività connesse
Un quadro legislativo equo non è compatibile con qualsiasi forma di punizione amministrativa o penale per l’uso di qualsiasi droga.

16. Proporzionalità
Quando mantenuta, la legislazione in materia di crimini legati alla droga come il narcotraffico, deve essere strettamente proporzionale al reato commesso, tenendo conto delle circostanze personali ed in ogni caso supportata da valide prove.

UN APPROCCIO SENSIBILE AL GENERE

17. Donne e coltivazione
In risposta alle discriminazioni e alle molestie delle donne nell’ambito della coltivazione, le normative legali dovrebbero stabilire una serie di protezioni sensibili al genere contro lo sfruttamento e l’abuso.

18. Accesso ai servizi
Un quadro legislativo equo non è compatibile con qualsiasi forma di punizione amministrativa o penale per l’uso di qualsiasi droga.

19. Uguaglianza
I legislatori devono intervenire tempestivamente per arginare qualsiasi disuguaglianza di genere o potere all’interno del mercato regolamentato. 

MONITORAGGIO E APPRENDIMENTO

20. Raccolta di dati e feedback dalla comunità
I quadri giuridici devono costantemente rivedere le leggi alla luce dei dati oggettivi raccolti, delle lezioni apprese, dell’evoluzione del mercato oltre che ovviamente dai feedback forniti dalla comunità e dalla società civile.

Schema grafico che riassume tutti i 20 principi per una regolamentazione della cannabis consapevole

Tratto da: IDPC International Drug Policy Consortium

 

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button