AntiproibizionismoHigh timesIn evidenza

Referendum: 500mila firme raggiunte in una settimana, è un risultato storico


“Eccoci qui, ecco il numero che rende tutto vero! Più di 500mila firme online in una sola settimana per il referendum. Le festeggiamo ringraziandovi una ad uno perché una cosa del genere non si era mai vista e non solo in Italia.

Ma ora la corsa continua… Per mettere in sicurezza questo traguardo abbiamo pochissimi giorni per raccoglierne ancora molte altre. E allora col sorriso continuiamo a condividere, spiegare, scendere in strada, discutere perché sappiamo perfettamente cosa vogliamo: la cannabis legale e l’Italia libera dalle mafie! Firma e fai firmare ancora su www.referendumcannabis.it“.

È il commento di Riccardo Magi di questa mattina, quando è stato evidente che lo scoglio delle 500mila firme era stato superato. Ora però, come sottolineato da Magi e dalla Campagna Meglio Legale che l’ha promosso insieme all’Associazione Luca Coscioni, non è il tempo di fermarsi a festeggiare. Si tratta di “un risultato straordinario ma non sorprendente: da tempo occorreva – sottolineano gli organizzatori – un intervento sul tema della cannabis e con la firma digitale in pochi giorni il tema è esploso. La velocità della mobilitazione conferma la voglia di cambiamento sulla cannabis ma anche di partecipazione alle decisioni su questioni che toccano personalmente. Adesso però occorre raccogliere un ulteriore 15% in più di firme per essere certi di poter consegnare il referendum in Cassazione il 30 settembre”. Da sottolineare, con orgoglio, che per questo referendum si è svolta la prima raccolta firme italiana tenutasi interamente online.

Insieme alla campagna di firme sono stati raccolti 145mila euro dei circa 500mila necessari (ogni firma digitale ha infatti il costo di 1,05 euro) e quindi vi chiediamo di donare ciò che potete a sostegno della campagna, utilizzando sempre lo stesso sito. Ora, dopo la consegna delle firme, il prossimo passo istituzionale sarà il vaglio della Corte Costituzionale del quesito referendario. Se anche questo passaggio, previsto per dicembre o gennaio, andasse a buon fine, probabilmente il referendum sarà istituito in primavera, dando a tutti i cittadini la possibilità di esprimersi sulla depenalizzazione della coltivazione personale di cannabis.

Quando la raccolta firme era stata annunciata, sembrava impossibile raggiungere il risultato. Ce l’abbiamo fatta in una settimana. Ora guardiamo al futuro, fiduciosi che la politica non potrà ignorare questo bagno di democrazia, e che nessun politico potrà permettersi di dire che la cannabis non è un priorità per il nostro Paese.

“Restiamo umili”, ha infine sottolineato Marco Cappato: “Perché i nemici veri sono stati attenti a non farsi ancora notare”.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.