Eventi

Rage Against The Machina – Modena

2015-02-27 05.17.57 pmIl 14 giugno 2008, agli albori di un’era oscura dove i potenti si incontrano e le masse si dissolvono, i Rage Against The Machine tornano insieme e incontrano 30.000 fan italiani ed europei a Modena.

Si presentano come prigionieri di Guantanamo, e chi non lo è di questi tempi! Si stagliano coi loro microfoni davanti alla stella rossa dell’esercito zapatista di liberazione nazionale, sono poche le bandiere che ancora portano valori e non interessi, e trasportano lo stadio in un grido di liberazione. ‘Burn, burn, yes ya gonna burn’ con la loro Bombtrack. Non c’è stato altro da aggiungere. C’è stato solo il tempo di togliersi dalla testa i sacchi neri e guardare dritto in faccia la folla, che sembrava attendere solo le loro note per dire la sua e gettare a sua volta la maschera, e quello che tra le file era iniziato come un concerto si è subito trasformato in una comunione di intenti. Michelangelo, 22 anni di Poliporo, professa i RATM come un pezzo importante della propria vita. Un pezzo di vita che è una comune battaglia contro il sistema capitalistico, contro qualsiasi stato che per quanto lo riguarda non esiste e del quale quindi non gli importa. Come dargli torto?

La gente poga, col sorriso sulle labbra, quasi delicatamente. Ci si sente uno, armonici, in mezzo a questo mare di onde che si incontrano, di vibrazioni che sussultano, di cuori che cantano la stessa canzone. WAKE UP: un solo messaggio che lo stadio e ZAC gridano al cielo, una sola verità: ‘un nostro buon amico ha detto che se le stesse leggi applicate per i nazisti della seconda guerra mondiale fossero applicate ai presidenti americani, ognuno di loro, ognuno di loro ricco e bianco da Truman in poi avrebbe dovuto essere messo a morte, impiccato o fucilato. E quest’attuale amministrazione non fa eccezione.

Dovrebbero essere impiccati e giudicati e fucilati. Così come ogni altro criminale di guerra. Ma le sfide che dobbiamo affrontare vanno oltre le amministrazioni. Ben oltre le elezioni. Ben oltre le leve da tirare ogni quattro anni. Ben oltre tutto questo, perché tutto questo marcio sistema è diventato così vizioso e crudele che per mantenersi ha bisogno di distruggere interi paesi e fare profitto dalla loro ricostruzione, solo per sopravvivere, e non è un sistema che cambia ogni quattro anni ma un sistema che noi dobbiamo abbattere generazione dopo generazione dopo generazione dopo generazione dopo generazione. SVEGLIATEVI’.

a cura di Maja G.

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.