“La spesa per consumo complessivo di sostanze proibite (cioè i soldi che sono finiti nelle tasche della criminalità organizzata) è stata pari a 16,2 miliardi di euro (dati 2018), di cui ben 6,3 miliardi di euro (39% del totale) derivano dal mercato nero dei cannabinoidi. Il mercato nero della cocaina ha fruttato alle narcomafie 5,1 miliardi di euro (32%); quello dell’eroina 3,1 miliardi di euro (19%)”.

Lo raccontano i Radicali in un articolo scritto da Massimiliano Iervolino, segretario di Radicali Italiani, e Giulio Manfredi dell’Associazione radicale Adelaide Aglietta, basandosi sui dati delle 422 pagine della Relazione al Parlamento sulle tossicodipendenze, presentata lo scorso 30 giugno dalla ministra per le politiche giovanili Fabiana Dadone.

“Invitiamo tutti i parlamentari a farlo perché il documento è molto ricco di dati a 360° sullo stato dell’arte in tema di quantità di sostanze circolanti, quantità sequestrate, reati relativi, risposta dei servizi sanitari” evidenziano prima di sottolineare che: “Dalla Relazione emergono cifre che, se mai ce ne fosse ancora bisogno, smentiscono il luogo comune del non serve legalizzare la cannabis perché per le mafie è un mercato marginale”.

Gli altri dati snocciolati sul narcotraffico dicono che su 31.016 persone segnalate nel 2020 alle prefetture per possesso di piccole quantità di sostanze proibite (art. 75 del DPR 309/90), il 74% (23mila persone) riguarda la cannabis (cocaina: 19%; oppiacei 5,6%). Su 31.335 persone segnalate all’autorità giudiziaria nel 2020 per violazione della legge antidroga (art. 73 e 74 del DPR 309/90), ben 13.586 (il 43.4%) sono legate al traffico di cannabinoidi (cocaina: 41%; eroina: 9%; droghe sintetiche: 1,1%).

“Morale della favola”, sottolineano i Radicali: “La legalizzazione della produzione, commercio e distribuzione dei derivati della cannabis sottrarrebbe ingenti quantità di denaro cash alle narcomafie, tali da metterne in crisi la stessa esistenza. E la legalizzazione cambierebbe letteralmente la vita a decine di migliaia di persone, risucchiate nel circuito repressivo”.

Infine i Radicali invitano “la ministra Dadone a non limitarsi alla pura e semplice consegna della Relazione alle Camere (pur apprezzando il suo rispetto dei termini di legge, per la prima volta dopo 10 anni e ben sei governi) ma di presentare il documento in un’apposita sessione parlamentare, magari a settembre: sarebbe anche un’occasione preziosa per fare il punto sulla preparazione della sesta Conferenza nazionale sulla droga, che l’Italia attende dal 2009 e che la ministra Dadone, nel suo intervento introduttivo della Relazione, ha confermato di volere tenere entro la fine dell’anno”.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.