papavero-oppio

Questo racconto è stato raccolto fra i Gond, una popolazione dravidica dell’India centrale. L’origine del papavero da oppio è posta in relazione con il problema delle urla di una bambina, che viene risolto propinandole l’oppio, mediante il quale viene assopita. In realtà alla bambina viene dato il fegato del cobra, dal cui sangue caduto a terra nasce la pianta del papavero, e v’è una evidente identificazione del fegato con l’oppio, inclusa un’associazione semantica fra oppio e veleno, dato che il cobra è un serpente velenoso.

2016-11-08-02-59-01-pmLa somministrazione dell’oppio ai bambini affinché smettano di piangere e si addormentino è un comportamento noto nel Mediterraneo. Nel XX secolo era ancora diffuso nell’Italia meridionale la pratica, in caso di insonnia e irrequietezza dei bambini, di dare loro un succhiotto di pezza imbevuto di succo di papavero (papagna), oppure di lattuga selvatica (lattuchiedde) (Guerci, 1990, p. 261; Santeramo, 1931, p. 35), e Scipione Mercuri, che scriveva agli inizi del 1600, sottolineava l’efficacia sonnifera dell’applicazione sulle tempie di questi rimedi (Camporesi, 1981, p. 71). Nel 1999 anche Grassano riportava tale pratica, in via di estinzione, nella provincia di Taranto. Pure nell’antico Egitto era diffusa la pratica di addormentare il bambino mediante il succo simil-oppiaceo della lattuga selvatica (Samorini, 2006, p. 50).

É quindi sorprendente ritrovare questa pratica nell’India centrale, in base a questo mito Gond. La figlia bambina di Mahato Dewar e di sua moglie gridava sempre. La Dewarin non era in grado di fare alcun lavoro a causa della bimba, e suo marito era solito morderla urlando. «Tu non lavori e stai solo seduta tutto il giorno con la tua bimba nel tuo grembo». Come risultato dei morsi la moglie crebbe sottile come un palo di bambù. Un giorno, dopo che fu morsa, la madre si arrabbiò con la bimba e pensò nella sua mente: «É per causa di questa bambina che devo soffrire. Voglio prendere un veleno e ucciderla».

Così la madre si recò nella giungla per trovare qualche foglia velenosa. Per strada incontrò Basuk Nag, il cobra, e gli raccontò la storia. Basuk Nag prese il suo fegato e lo diede a lei dicendole: «taglia questo in pezzi e mescolali con dell’acqua. Se lo dai alla tua bimba, dormirà tranquillamente». Quando estrasse il suo fegato, alcune gocce di sangue caddero al suolo e da queste germogliò la pianta dell’oppio. La Dewarin portò il fegato a casa e ne diede un poco alla sua bambina. Da allora la bimba dormì sempre quietamente e la madre fu in grado di lavorare (Elwin, 1940, p. 230).





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.