xfdv5ksl
La vicenda e le foto sono state divulgate dallo stesso padrone del cagnolino, sul social network Reddit. Pochi giorni fa negli Usa il chihuahua ha mangiato la marijuana del proprio padrone ed è stato sotto effetto della cannabis per circa 10 ore.

Il chihuahua, racconta il padrone su Reddit, è stato trasportato dal veterinario dove è stato aiutato a vomitare e poi è stato tenuto in osservazione. Non ha subito danni particolari e ora «è tornato allegro e normale».

Il cagnolino ha ingerito meno di 0,5 grammi di erba, che però dato il suo peso corporeo, corrispondevano all’equivalente di una ventina di grammi per un umano. «Evidentemente non si è divertito – spiega il padrone – era impaurito e non riusciva a stare in piedi».

Quello degli animali che per errore assumono la cannabis che i padroni dimenticano di mettere al riparo è un problema che si sta ripetendo con una certa frequenza negli Usa, come confermano le notizie che ciclicamente arrivano da oltreoceano.

7oz2ldplyxydfvcl

 

 

 

 

 

 

 

Il sistema endocannabinoide degli animali li rende tutti sensibili agli effetti, anche indesiderati, della cannabis, al punto che la medicina veterinaria sta cominciando a somministrare CBD (principio attivo non psicotropo della cannabis) agli animali domestici in difficoltà di salute con ottimi risultati, come abbiamo anche raccontato in questo articolo.

Ma gli effetti del THC sugli animali possono risultare maggiormente avversi rispetto agli umani. Il sistema endocannabinoide dei cani è molto sviluppato e quindi sono sensibili più di altri animali, tuttavia la dose letale di THC puro per un cane è attorno ai 3 grammi/chilo, quindi la morte per intossicazione è sostanzialmente impossibile, allo stesso modo che nell’uomo.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.