rifugiati stragi mare frontex“Quei figli di puttana stavano solo a guardare. La gente moriva tra le onde, noi rischiavamo di fare la stessa fine e loro guardavano. Quelli di Frontex non salvano nessuno, fanno i poliziotti del mare. Che schifo!”.

Una denuncia drammatica e terribile quella di Oscar Camps, un volontario della organizzazione non governativa ProActiva. Un grido d’allarme che, se confermato da un’inchiesta a questo punto dovuta, scriverebbe nell’ennesima brutta pagina della brutta storia dell’immigrazione verso l’Europa.

Carlos racconta senza timore di smentita l’ultima operazione di soccorso effettuata nel mar Egeo. “Era un barcone con più di 300 persone. E’ affondato e il cielo si è riempito di urla disperate. Credetemi, sembrava davvero l’apocalisse. Noi della Proactiva, aiutati dai pescatori greci e turchi presenti in zona, ci siamo dati da fare per salvarne il più possibile. C’erano tanti bambini, che orrore.

Quelli di Frontex sono arrivati dopo e non hanno fatto praticamente nulla. Hanno giusto lanciato qualche fune. Neanche un salvagente, eppure li avevano. Intanto la gente affogave e noi rischiavamo di farlo con loro. Ad un certo punto ne avevo aggrappati addosso almeno 5 e ho temuto che mi trascinassero sotto insieme a loro.

Non dimenticherò mai il terrore stampato su quei volti. Molti non sono più tra noi. Abbiamo portato i bambini e quelli più bisognosi di cure sulla nave di Frontex. Ebbene, vi sembrerà impossibile, ma nessuno di loro sapeva come rianimarli. E’ dovuto andare uno dei nostri. E così si sono perse altre vite. Inutilmente, colpevolmente.

Quando siamo arrivati a terra, le ambulanze greche che sono arrivate erano sfornite di tutto il necessario. Altre morti che si potevano evitare. Alla fine, cinquanta morti. Cinquanta! Un assurdo! Lo chiamano programma di soccorso ai profughi del mare. Ma quale soccorso? Che vergogna. Se non ci fossimo noi ed i pescatori, la brava gente del mare, morirebbero tutti. Ho vergogna di essere europeo!





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.