img5_1000

Ho avuto il piacere di chiacchierare con KG Man cantante dei Quartiere Coffee. La band di Grosseto è da poco uscita con un nuovo album “Reggae Familia”, un album che racchiude i tratti tipici italiani sia negativi come corruzione e mafia che positivi come il cibo e l’arte…

La cosa interessante del vostro nuovo album è la registrazione in presa diretta, modalità utilizzata prima dell’arrivo della tecnologia attuale e ormai quasi obsoleta. Perché avete deciso di utilizzare questa modalità?
Diciamo che il reggae in Jamaica si fa soprattutto con la presa diretta, tutt’oggi. Il disco precedente era molto più elettronico, molto più prodotto artisticamente, insomma differente da quest’ultimo. Pian piano ci siamo resi conto che quando ci esibivamo nei live facevamo quello che abbiamo fatto nella registrazione in presa diretta, cioè suonare dal vivo. Determinate sfumature, certe cadenze, certe sensazioni che hai all’interno di una sala con i tuoi amici, con la tua band, con il reggae non riuscivamo a trasferirle con le tecnologie, quindi abbiamo fatto la presa diretta.

Nell’album precedente era presente una miscelazione di generi che invece adesso non troviamo, l’album è puro stile reggae italiano senza altre contaminazioni. Siete ritornati sui vostri passi perché non vi è piaciuto l’esperimento precedente?
E’ un passo indietro, non solo musicale ma quasi d’esistenza, nel senso che siamo voluti tornare alle radici sia della musica sia dei concetti che sono all’interno dell’album. Si parla delle cose semplici perché dopo periodi molto artefatti abbiamo voluto riscoprire i fondamentali.

Come vi ponete nei confronti dell’omofobia tipica della cultura Jamaicana?
Non la condividiamo assolutamente. Purtroppo la Jamaica offre tantissime belle cose ma ne offre altre tante da capire e anche da criticare.

L’album rappresenta l’Italia allo stato attuale, famosa per il cibo e le attrazioni culturali ma anche per la casta e i diversi problemi economici e sociali che stiamo attraversando sottolineando quanto è difficile essere ottimisti. Voi lo siete? Come affrontate questa situazione politica, economica e sociale?
Noi facciamo un mestiere che è una benedizione, che è quello della musica. Se non facessimo la musica io e tanti altri dei nostri non staremmo in Italia. Quindi questo fa capire che è un periodo storico di totale importanza, si apre uno scenario che non si riferisce solo alla crisi della musica ma è una crisi molto più grande.

Siete pronti per il tour di quest’estate?
Si, abbiamo un tour importantissimo quest’estate perché faremo solo festival reggae importanti in Italia, Austria, Slovenia e Svizzera. Il fatto di cantare in Patwa è una cosa che permette a noi italiani di farci conoscere anche all’estero.

Quest’album è stato definito la vostra rinascita, nell’ambito della reggae music. E’ presente un solo featuring con Shafy Click, come mai avete scelto un artista rap anziché reggae?
In realtà non è un fatto di genere ma è un fatto di vicinanza, cioè loro vivono a 10 km da casa mia. E’ nato il feat. perché sono della nostra zona e vogliamo ripartire da zero iniziando proprio dal nostro territorio. Vogliamo ricominciare dalla base.

Progetti futuri?
Adesso ci godiamo il nostro terzo album e poi si vedrà. Per ora siamo concentrati sul tour e i festival.

Lasciate un messaggio ai lettori…
Ascoltate raggae jamaicano non solo Bob Marley, perché c’è un mondo dietro tutto da scoprire.





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.