Índice

La storia è piena di decessi bizzarri e si sa la morte non guarda in faccia nessuno. A partire da Platone, morto a ottantadue anni perché camminando inciampò e morì affogando in una tinozza d’acqua, per arrivare a Tycho Brahe, fautore della rivoluzione scientifica e maestro di Keplero, morto per lo scoppio della vescica perché impossibilitato ad alzarsi durante un banchetto ufficiale. Nella pagina rock delle morti, solitamente ci si ritrova a parlare di abusi da stupefacenti, delle morti di Hendrix e Jonis Joplin o ancora trapassi dovuti all’alcool come nel caso di Bonham, morto durante il sonno nel suo vomito.

‘Ma ci sono morti in cui l’assurdo si fa largo. Sfortunatissimo è stato Mama Cass morto nel 1974 sempre per soffocamento ma dovuto ad un pezzo di prosciutto andato di traverso. Anche se indirettamente dovuto al suo stato di ubriachezza Jaco Pistorius, innovativo bassista statunitense morto nel 1987, venne ucciso a colpi di Karatè all’ingresso di un locale da un uomo della sicurezza, reo di aver interrotto un concerto di Santana e si ritrovò col cranio distrutto sul marciapiede. Micheal Hutchence vince il premio per la morte più innovativa del secolo, una formula che neanche i migliori torturatori del medioevo avrebbero pensato, è morto nel 1997 durante una strampalata pratica autoerotica che prevedeva un laccio intorno al collo durante la masturbazione, il risultato è stato l’autoimpiccagione involontaria.

 





One Comment

  1. Obi Van Ermes says:

    c'est la vie…

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.