photo1
Questa storia ha inizio nel 1985, quando Robbo, o meglio King Robbo, re dell’”old school” londinese, marchiò con la sua tag un muro sulle sponde del Regent’s Canal.

photo2

Per 21 anni il pezzo è rimasto intanto, fino al 2006 quando altri writers apposero la loro firma su quella di Robbo.

photo3

Nel 2009 è il “turno” di Banksy, che ignaro (da quanto dice) di quanto fosse conosciuto Robbo nella sfera londinese, utilizzò il suo stile per ricoprire quello dei suoi predecessori.

photo4

Passano soltanto 2 settimane e Robbo fa vedere a Banksy che lui è “The King”, in basso a sinistra il nuovo pezzo viene firmato da “Team Robbo”.

photo5

La sfida si accende, Banksy torna sul Regent’s Canal e aggiunge 3 lettere alla tag di Robbo, King Robbo diventa Fucking Robbo.

photo6

Robbo non ci sta e dopo pochi giorni il “fuc” viene tolto.

photo7

Interviene uno sconosciuto, la parete ora è totalmente nera.

photo8

Luglio 2010, Robbo torna sulla scena del delitto, secondo lui la carriera di Banksy è morta e sepolta, a sostenerlo c’è anche Top Cat, leader incontrastato dei personaggi di Hanna & Barbera.

photo9

Il muro viene nuovamente coperto di vernice nera.

photo10

Nel gennaio del 2011 è nuovamente il turno di Banksy.

photo12

Robbo non ha la possibilità di replicare, un incidente lo ha lasciato in coma, così Banksy nel novembre scorso pone forse fine a questa annosa sfida, realizzando una replica della tag del 1985 in versione povera (e in segno di rispetto nei confronti del rivale).

Extro

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.