img1 1

Vivere il più a lungo possibile e in buona salute è l’aspirazione di tutti. Ci sono paesi in cui si vive molto più a lungo che in altri. Scopriamo insieme in quali luoghi si vive di più e perché.

Prima di tutto bisogna comprendere il motivo che ci spinge verso la morte. Nel Medioevo si riteneva che ogni uomo nascesse con un ben determinato numero di respiri da poter effettuare. Una volta usati questi respiri prestabiliti, si moriva inevitabilmente. Di conseguenza si tentava di non affannarsi e si cercavano attività il più possibile serene. Oggi questa teoria può sembrare quantomeno bizzarra ed antiquata, ma non è poi così lontana da ciò che gli scienziati moderni stanno scoprendo. L’organismo umano è composto da circa 100 mila miliardi di cellule. È la coordinazione di tutte queste cellule funzionanti in perfetta sinergia che ti consente di concentrare l’attenzione sulle parole di questo articolo. Noi moriamo perché le nostre cellule muoiono. Infatti morire fa parte del programma di ogni singola cellula del corpo. Questo programma è scritto all’interno del nostro DNA. Fino a che il suo programma lo permette ogni cellula si può duplicare, poi muore definitivamente.

Si sta progressivamente capendo che lo stile di vita, così come ogni malattia che ci colpisce, ogni virus che invade l’organismo, ogni situazione di stress ci segna negativamente. Non è solo un modo di dire. Si è scoperto che tutti questi aspetti vanno a modificare la struttura del DNA e con esso il programma per la duplicazione delle cellule. Vivere nel modo giusto ci permette quindi di preservare il nostro DNA in maniera che ogni meccanismo funzioni al meglio.

Ma cosa significa vivere nel modo giusto? Possono rispondere a questa domanda coloro che hanno vissuto più a lungo. È interessante notare come, in generale, tutte le persone longeve hanno delle caratteristiche comuni anche dal punto di vista somatico. Ciò che salta principalmente all’occhio è che tutte le persone che vivono a lungo hanno una corporatura magra, e questo è dovuto principalmente al fatto che non sono schiavi della loro gola.

Le persone che vivono a lungo mangiano poco e principalmente verdura e frutta. Non mangiano carne e latticini o se lo fanno ne mangiano pochissima e di rado. In oltre non sono persone sedentarie e continuano da sempre a fare esercizio fisico. Ma il segreto della longevità non è legato solo allo stile di vita. In alcuni paesi del mondo si è registrato negli ultimi 100 anni un considerevole incremento dell’aspettativa di vita perché sono state create migliori condizioni igieniche ed il servizio sanitario si è esteso a comprendere fasce sempre più ampie della popolazione.

Esaminando la mappa mondiale della longevità che si trova all’interno dell’e-book “Eden, trova il Tuo Paradiso Terrestre” si può vedere chiaramente che oggi si vive più a lungo soprattutto dove il servizio sanitario funziona meglio e dove è previsto per tutta la popolazione. La speranza di vita è mediamente di 79 anni nei paesi industrializzati, di 67 nei paesi in via di sviluppo, di 55 nei paesi meno sviluppati. La situazione peggiore si verifica nell’Africa sub-sahariana, dove si ha una speranza di vita di soli 50 anni ed anche meno, come nel caso limite della Repubblica Centrafricana (46 anni), che è la nazione con la più bassa speranza di vita al mondo.

Dopo aver esaminato la mappa mondiale della longevità, ho voluto estrapolare i nomi dei paesi nei quali la vita media è più lunga.
Questa è la classifica:

Andorra
San Marino
Giappone
Svizzera
Australia
Italia
Islanda
Francia
Svezia

Il paese migliore è dunque l’Andorra che insieme a San Marino raggiunge e supera quota 83 anni. L’Italia è sesta con una media di 81 anni. Ma il mondo è grande e gli aspetti da tenere in considerazione sono più d’uno.

Roberto Stanzani

 





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.