Correva l’anno 1924 quando le principali aziende produttrici di lampade a incandescenza si dettero appuntamento a Ginevra. Nella città svizzera si ritrovarono industriali europei e americani, con un obiettivo ben preciso: cercare un accordo comune che riguardasse la longevità dei loro prodotti. C’era infatti un dettaglio non da poco che riguardava le lampade, brevettate nel 1880 da Thomas Edison: duravano troppo, e in questo modo i profitti erano limitati. L’accordo, che passò alla storia come “Cartello Phoebus”, portò la durata delle lampadine da 2.500 ore a 1.000 ore; si tratta del primo esempio di obsolescenza programmata.

Dai tempi del “Cartello Phoebus” ne è passata di acqua sotto i ponti. Per restare nel campo commerciale, siamo stati letteralmente invasi da prodotti con tecnologie sempre più sofisticate. E la durata dei dispositivi che intasano le nostre tasche o le nostre borse è diventata una questione centrale.
 Di recente una sentenza dell’Antitrust ha punito Samsung e Apple, i due principali colossi mondiali produttori di smartphone, proprio a riguardo di obsolescenza programmata. Ovvero, per aver indotto i loro utenti a installare nuove versioni dei sistemi operativi dei loro dispositivi in modelli vecchi che, a causa dell’aggiornamento, pativano prestazioni peggiori.

La questione, al di là delle sanzioni, è molto dibattuta: perché riparare un prodotto appena danneggiato – si pensi allo schermo di uno smartphone in frantumi – può costare di più rispetto all’acquisto di un nuovo dispositivo? In Francia, dal 2015, l’obsolescenza programmata è diventata un reato; la multa può variare in modo proporzionale ai vantaggi della violazione. Da questa legge sono partite una serie di class action contro la Apple; nel 2017, l’azienda fondata da Steve Jobs ha inviato una lettera di scuse ai suoi clienti.

Durata della vita degli apparecchi a confronto

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.