High timesIn evidenza

Il prete che regala cannabis ai suoi fedeli

Don Giuseppe Scandurra è stato sospeso per aver voluto regalare delle piantine di cannabis legale

Il prete che regala cannabis ai suoi fedeli
Regalo piantine di cannabis legale, pronte da trapiantare”: questo il post su Facebook di domenica sera del parroco di Diano Borello (IM), Giuseppe Scandurra, originario della Sicilia.

La notizia ha fatto rapidamente il giro del web ed è successo di tutto: dai Carabinieri che gli hanno sequestrato le piantine, al vescovo che lo ha sospeso per un mese dalle sue funzioni dopo avergli chiesto di cancellare il post, ai giornalisti che l’hanno contattato da tutta Italia per parlare di questo suo gesto fuori dal comune.

Devo ammettere che sono stata incuriosita dal cercare di capire quali fossero le ragioni di questo post da parte di un prete e così l’ho contattato anch’io, dichiarandogli apertamente la mia simpatia.

A sua volta, Don Giuseppe mi ha detto di essere rallegrato dal sentirmi pronunciare questa parola, ricordandomi l’etimologia greca da“sympátheia” composta da “syn”, che vuol dire “con”, e pathos, che vuol dire “sensazione, emozione”.

Difatti, apprendere la notizia di questo parroco di una frazione in provincia di Imperia, che viene sospeso “a divinis”, ovvero dai “ministeri divini” secondo il diritto canonico cattolico, per aver voluto regalare piantine di cannabis legale, mi ha provocato certamente un’emozione positiva nei suoi confronti, ma non una altrettanto positiva verso chi lo ha punito per questo gesto innocente.

Scherzando però, lui mi dice che se ne andrà in ferie per un mese e che non crede che il vescovo abbia voluto comminargli nulla più che una sanzione disciplinare simbolica. Dice pure che i Carabinieri sono stati gentilissimi con lui, sebbene gli abbiano sequestrato le piantine che quindi, alla fine, non ha più potuto regalare come desiderava fare. 

PRETE E CANNABIS IN REGALO: LA LEGGE DEVE TUTELARE LA LIBERTA’ DEL SOGGETTO

Quando gli ho chiesto cosa l’abbia portato a scrivere quel post, ha risposto: “Ho creduto di fare una cosa carina per i tanti amici che ho su Facebook. Sono piantine cresciute da semi che avevo acquistato regolarmente e legalmente su internet e che avevo piantato a gennaio. Spesso regalo piantine di ogni tipo e queste non avevo bisogno di tenerle tutte, così ne ho volute regalare la maggior parte. A me basta una sola piantina: mi ci faccio le tisane alla sera per rilassarmi e mi aiuta ad entrare più a fondo nelle cose”.

Don Giuseppe continua: “Qualsiasi cosa può essere bella o brutta, chi fa la differenza è il soggetto, non un codice culturale o una norma, la legge deve tutelare questa libertà del soggetto. È una lezione che ho appreso dal Cristianesimo: Gesù ha usato la sua libertà imparando a stabilire da sé cosa fosse bene e cosa fosse male. Bisogna esercitarsi perché la libertà non è qualcosa che si acquisisce una volta per tutte e per esercitarsi ci vuole un banco di prova che è la vita, con scelte che si fanno di volta in volta nella verità; la libertà è come la verità: si costruisce, non si impone”.

Ora, sorvolando su tutto il delirio che è derivato dal suo post ditemi voi: come si fa a non provare simpatia per questo prete?

Articolo a cura di Veronica Tarozzi

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button