2015-01-11 04.21.26 pmLa Marijuana può essere propagata in due modi: i semi sono il prodotto della propagazione sessuale; i cloni di quella asessuale o vegetativa. Semplicemente, creare un clone significa tagliare la punta di un ramo in crescita e radicarlo: il metodo più efficiente per propagare la cannabis. Una volta che la pianta ha raggiunto almeno due mesi di vita, e il sesso è conosciuto, sarete pronti a praticare la semplice ma incredibile scienza e arte della produzione di cloni. Se il clima è povero, la pianta si svilupperà in maniera povera e sarà nana. Se la grow room è ben mantenuta, 2015-01-11 04.21.47 pmcon un clima perfetto, si raccoglieranno piante robuste e salutari. La clonazione riduce il tempo che serve a un raccolto per maturare. I coltivatori produttivi possiedono due stanze, una per piante clonate/vegetative di un quarto delle dimensioni della seconda stanza usata per la fioritura. Piante vegetative più piccole portano via meno spazio di piante in fiore più anziane. Per esempio, una lampada MH da 250 o 400 W può illuminare facilmente piante vegetative e cloni che colmano una stanza per fioritura illuminata da tre lampade HPS da 600 W. Le lampade fluorescenti sono più economiche e funzionano bene per radicare cloni. Combina cicli di 8 settimane di fioritura/raccolto con clonazione continua per creare un raccolto perpetuo senza fine.

2015-01-11 04.22.00 pmUn altro scenario sarebbe prendere un clone ogni due giorni e raccogliere una pianta un giorno si uno no. Ogni volta che una pianta viene raccolta, un clone radicato viene spostato dalla stanza vegetativa a quella di fioritura per prenderne il suo posto. Questo regime dà a un coltivatore 60 cloni in fiore, i quali faranno parte di un ciclo di 90 giorni. Ci vogliono 90 giorni dal momento in cui il clone viene tagliato dalla pianta madre fino al giorno in cui viene raccolto. Usando questo programma, un coltivatore avrà costantemente 45 cloni e 30 piante in fiore che crescono. I cloni 2015-01-11 04.22.09 pmvengono indotti alla fioritura quando sono piccoli e alti da 4 a 12 pollici. Piante basse usano al meglio le luci HID. La luce artificiale diminuisce con la distanza, il che significa che il fogliame distante 4 piedi dalla lampadina riceve un quattordicesimo di luce, proprio così, un quattordicesimo, che significa la stessa quantità di luce come se fosse ad un piede di distanza. Il fogliame all’ombra o che riceve meno luce cresce lentamente e in modo affusolato.

Cloni robusti, ben illuminati, crescono velocemente ed hanno meno possibilità di venire colpiti da pesti e malattie. Infatti, cloni che crescono velocemente si sviluppano prima che gli acari-ragni si riproducano. Nel momento in cui l’infestazione di acari-ragno ha luogo, le piante saranno già state raccolte.

2015-01-11 04.22.18 pmI cloni, quando sono piccoli, sono anche facili da sommergere completamente in un pesticida per acari. Sommergendo i cloni in un pesticida per acari prima di spostarli nella stanza da fioritura diminuisce immensamente la popolazione di acari. È molto più facile spostare dentro e fuori per la sterilizzazione e la pulitura un raccolto basso in contenitori piccoli che piante alte in contenitori grandi. Stanze che vengono sterilizzate spesso riscontrano meno problemi con parassiti e malattie.
Esperimenti con cloni sono più consistenti e più facili da controllare. Cloni geneticamente identici rispondono in modo simile a stimoli differenti, come fertilizzante, 2015-01-11 04.22.29 pmluce, piegamento, ecc.

Segnali Ormonali e cloni
Le talee rispondono ai segnali inviati da ormoni, temperatura e luce. Le piante usano questi segnali per interpretare l’ambiente e reagire di conseguenza. I coltivatori controllano le reazioni delle piante tramite ormoni sintetici oppure influenzando gli ormoni naturali.

Qui di seguito ci sono 5 tra gli ormoni più comuni che influenzano la crescita della cannabis.
1. L’Auxina controlla se le foglie delle piante crescono verso l’alto dirette alla luce o verso il basso dirette verso 2015-01-11 04.38.15 pmil centro della terra. Le Auxine sono segnali di crescita creati nella pianta e la loro concentrazione viene trovata principalmente nelle punte in crescita. L’Auxina viene ridiretta dalle punte e boccioli crescenti verso il taglio, durante il corso di una settimana, quando il clone viene preso dalla pianta.
2. Cito chinine stimolano la divisione delle cellule. Inviano segnali dalle radici su ciò che si devono aspettare.
3. La Gibberellina segnala più di 90 eventi incluso 2015-01-11 04.38.22 pml’allungamento delle cellule e la crescita di nuove cellule nei semi.
4. L’ormone dell’Acido Abscissico (ABA), a meno che non venga modificato da altri segnali, in genere è il segnale “stop” per la crescita della pianta.
5. L’Etilene segnala che i frutti sono pronti a maturare e che la stagione finisce.

Lo stress frantuma gli ormoni e rallenta la crescita 2015-01-11 04.38.37 pmrapida.
Gli internodi si allungano perché la concentrazione di Gibberellina non è appropriata, le temperature giorno/notte hanno un dislivello maggiore di 3-5 gradi C, o c’è una bassa concentrazione di luce; oppure al contrario, le piante ricevono troppa luce, o riescono ad allungarsi agli internodi per raggiungere la stessa altezza delle piante che le circondano.

Età della Pianta e Crescita Giovane
2015-01-11 04.38.53 pmLa quantità di ormoni impone l’abilità di un clone di radicare o meno. Una pianta madre possiede tre distinte zone di “età” ormonali. La cima della pianta e le punte dei rami sono, dal punto di vista degli ormoni, le parti più anziane della pianta. La base e le parti inferiori dei fusti sono la parte più giovane, per quanto riguarda gli ormoni. Il posto migliore per prendere delle talee si trova in questa zona, dove la concentrazione ormonale è la migliore per la radicazione.

Distribuzione irregolare degli ormoni della crescita
Il contenuto ormonale è diverso in varie parti della pianta. Gli ormoni della crescita delle radici sono 2015-01-11 04.39.04 pmconcentrati vicino alla base della pianta al fianco del tronco principale. Questa è la porzione della pianta più anziana, ma dove vengono localizzati la maggior parte degli ormoni delle radici. La cima della pianta contiene ormoni più vecchi e ritagli presi da questa zona radicano lentamente. La parte intermedia della pianta contiene livelli moderati di ormoni.

Integrità Nella Scorta di Cloni
Semplici operazioni da seguire:
1. Mantenere un ciclo di luce di 18 ore
2015-01-11 04.39.15 pm2. Mantenerli in uno stato di buona salute 3. Coltivare per il periodo di sviluppo
4. Ripiantare
5. Coltivare idroponicamente

Qualsiasi femmina può diventare clone da scorta, indipendentemente dall’età. Può essere coltivata da un seme o clone. La cosa importante da ricordare quando si prende un clone dalla madre è di non lasciare mai che la madre fiorisca e poi farla invertire alla crescita vegetativa. Tenete parecchie madri in stato vegetativo per la scorta di cloni. Madri robuste producono cloni robusti e sani. Crea ogni anno delle nuove madri coltivate da semi. I cloni hanno una migliore possibilità di essere forti e sani quando le madri non sono stressate. Le piante madri devono avere giornate di 18 ore per trattenere delle caratteristiche genetiche forti.

Un clone è un’esatta replica della pianta madre. Ogni cellula della madre possiede uno schema di DNA di se stessa. Radiazioni, prodotti chimici e pratiche di coltura povere possono danneggiare questo DNA. A meno che non venga danneggiato, il DNA resta intatto. I cloni che crescono poveramente sono in genere il risultato di pratiche non sanitarie e di mal clonazione.
Una pianta femmina riproduce femmine esattamente uguali alla madre al 100%. Quando crescono nello stesso identico ambiente, i cloni da stessa madre si assomigliano. Ma gli stessi cloni soggetti a ambienti diversi in varie grow rooms spesso appaiono differenti. Per esempio, un clone Indica fertilizzato insufficientemente e coltivato in un ambiente a bassa umidità sarà diverso da un clone sorella coltivato in un ambiente umido. Tuttavia, possono avvenire mutazioni e lo stress ambientale può causare occasionalmente fiori maschili su piante femminili.

Un clone di un mese d’età da una madre di sei mesi d’età non ha veramente un mese, ha sei mesi come la madre. Questo fenomeno non è del tutto compreso, ma è valido. Clonando questa pianta ricca di THC, la quale continua ad aumentare in potenza in maniera rapida, essendo di età di sei mesi produce molti più cannabinoidi di una di un mese.

Aspetti negativi
Iniziare sempre con la migliore scorta di cloni che riuscite a trovare. Le piante madri producono cloni a loro immagine e somiglianza. Se alla madre manca potenza, peso del raccolto o non è resistente a pesti e malattie, il clone condivide la sua debolezza. Questa debolezza viene creata quando si coltiva una varietà soltanto. Una peste o una malattia non controllata potrebbe distruggere l’intero raccolto. Mantenere le madri in buona salute. Molti coltivatori usano uno spray per prevenzione ogni settimana.

Ogni volta che viene fatta una clonazione di massa, incominciano a formarsi nuovi germogli. Questa nuova crescita si sviluppa più velocemente con radici più salutari che crescono in fretta. Dovete dare alle madri circa il 10 percento in meno di azoto dal momento che meno azoto promuove nei cloni la radicazione.

Spruzzare con pesticida ogni settimana previene il rischio che le madri vengano attaccate da pesti e malattie. Non prendete mai cloni da madri malate, poiché cresceranno poveramente e produrranno poco.

Per risultati migliori prendete cloni da piante madri che abbiano almeno 2 mesi d’età. Piante clonate prima d’allora potrebbero svilupparsi irregolarmente e crescere lentamente. Cloni presi da piante in fiore radicano velocemente ma necessitano un mese o più per retrocedere alla crescita vegetativa. Cloni ringiovaniti in tal modo, fioriscono occasionalmente in modo prematuro ed i boccioli sono più esposti agli attacchi dei funghi.

I cloni soffrono stress e passano attraverso una trasformazione incredibile quando cambiano da punte in crescita tranciate a pianta radicata, e tutta la loro chimica si modifica. Il gambo che prima cresceva foglie ora deve crescere radici in modo da sopravvivere.

Durante la radicazione, i cloni necessitano una quantità minima di azoto e livelli consistenti di fosforo per promuovere la crescita. Evitare di spruzzare pesticida durante la radicazione dal momento che renderebbe il clonare stressante.

Ormoni radicanti
Ormoni che inducono la radicazione velocizzano il processo della pianta. Quando il gambo di una talea sviluppa le radici, deve trasformarsi dal produrre cellule di gambo verde a produrre cellule non differenziate ed infine fabbricare cellule di radice. Gli ormoni radicanti affrettano la crescita di cellule non differenziate. Una volta non differenziate, le cellule si trasformano velocemente in cellule di radice. Tre sostanze che stimolano la crescita non differenziata includono Acido 1-Naftilacetico (NAA), Acido Indole3-Butirrico (IBA) e 2,4-Acido diclorofenossiacetico (2,3 DPA). Ormoni radicanti commerciali contengono uno, due o tutti e tre gli ingredienti sintetici sopra indicati e spesso includono un antifungino che aiuta la prevenzione del marcire.

Ormoni radicanti sono disponibili in concentrazioni diverse. Usate sempre la concentrazione più leggera per ritagli di legno soffice. Usate solamente un’applicazione di ormoni radicanti contenenti IBA. Qualsiasi applicazione di IBA che viene esagerata o usata troppo a lungo impedirà la crescita di radici. I cloni dirigono le proprie auxine verso la ferita prodotta quando è avvenuto il taglio. Se l’ormone artificiale non si è dissipato, la concentrazione sarà troppo alta.

Sono disponibili in forma liquida, gel, o polvere. Il liquido ed il gel sono i tipi più versatili, penetrano i gambi in modo equo e sono consistenti. Ormoni in polvere aderiscono in modo inconsistente ai gambi, li penetrano poveramente, stimolano la crescita delle radici in modo ineguale e producono una percentuale più bassa di sopravvivenza.

Prima di produrre cloni
Un Clone piccolo con poche foglie radica meglio di uno grande con molte foglie. In principio le foglie contengono umidità, ma dopo un paio di giorni, il gambo non è più in grado di fornire umidità ed il clone ne soffre lo stress. Una piccola quantità di spazio sulla foglia è tutto ciò di cui la fotosintesi ha bisogno per fornire energia a sufficienza in modo da permettere la crescita delle radici.

Ritagli grandi con molto amido di scorta radicano più lentamente di cloni piccoli con gambi piccoli. Anche l’amido in eccesso nel terreno umido contribuisce all’apparizione di problemi causati da patogeni.
Sebbene i cloni con un gambo sottile possiedono una riserva minore (di amido), ciò di cui necessitano in realtà è quanto basta di riserva per iniziare la crescita delle radici.

Non usate fertilizzanti. Non sopraffate la cura dei cloni dandogli nutrienti. Ritarderà la radicazione. Il nitrato di ammonio, un fertilizzante comune, ferma la crescita dei peli radicali. Estratti di nutrienti come le alghe contengono ormoni (Citochinine) i quali promuovono la crescita verde e ritardano la crescita delle radici.

Non aggiungete ulteriori ormoni radicanti. Le concentrazioni di ormoni radicanti nei cloni sono critiche. Anche i cloni generano ormoni (radicanti). Aggiungere ulteriori ormoni (IBA, Auxine e Citochinine) distruggerebbe l’equilibrio naturale e ritarderebbe la radicazione. Utilizzate spray anti-seccanti, ma soltanto nel caso in cui non sia possibile creare una tenda per l’umidità. Lo spray anti-seccante sintetico semipermeabile ricopre le foglie e permette ai gas di essere espulsi ma non
il vapore acqueo. Assicuratevi di ricoprire le foglie ugualmente durante l’applicazione. Anche con l’applicazione di cera anti-seccante, i cloni potrebbero soffrire comunque di stress da umidità. Fate attenzione che la zona delle radici sia ben bagnata. L’insufficienza di umidità causa il fermarsi dello sviluppo delle radici.

Mantenere sempre la zona del taglio pulita. State distanti da aree che potrebbero trasportare spore di funghi. Il Pythium è il peggiore. Esso fiorisce ad alte temperature ed eccessiva umidità. Temperature dai 65-78 gradi F (18-25 C.) compromettono la germinazione della maggior parte delle spore. Acari, mosche bianche, tisanotteri, ecc. amano cloni teneri e fragili. Cloni infestati dovrebbero essere separati e rimossi dalla stanza per evitare la contaminazione. Condizioni più fresche rallentano la riproduzione degli acari e vi permettono di evitare un’infestazione.

Se capita un’infestazione, applicare pyrethrum aerosol. Ricordatevi che tutti i pesticidi, naturali o meno, sono tossici. Spruzzare i ritagli con pesticidi è in genere una cattiva idea. Se dovete usare degli spray, fatelo quando è freddo e solamente con spray organici facendone uso minimo.

L’ultima cosa da ricordare è di continuare a coltivare ulteriori cloni!

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.