È noto che, nel mondo della Birra artigianale, uno degli stili più di successo è quello delle Ipa. Ho già spiegato come in realtà esse siano birre piuttosto semplici, con pochi ingredienti, e una tecnica di realizzazione non complicata. Non è un caso che, nel fare la Birra in casa, le persone scelgano spesso questo stile, visto che se tutto va bene in un’oretta ne avrete prodotta 20 litri e in 40 giorni potrete berla. Le quantità di luppolo usato per questo stile sono mano a mano aumentate, fino a raggiungere livelli importanti (e forse disgustosi, nda) ed a cambiare non solo il sapore ma anche il colore della birra.

In America, dove il luppolo regna, è stata sviluppata una tecnica nuova di estrazione delle resine e degli oli essenziali del luppolo. Si chiama processo di separazione criogenica e con esso si ottiene una polvere che contiene tutte le caratteristiche organolettiche del luppolo “criogenizzato”, detta “lupulina”. Una delle qualità più apprezzate dai birrai è il fatto che, grazie a questo processo, l’aroma di luppolo viene svuotato completamente delle sue parti astringenti e vegetali; inoltre, essendo una polvere, occupa molto meno spazio che in fiori o pellet, come viene utilizzato di solito, favorendo i processi di filtrazione.

Ho bevuto una New England IPA di Poppels, nuovo birrificio svedese, e devo dire che la luppolatura è preponderante, ma molto elegante, senza sfociare mai in quell’effetto “piccante” che uccide la bevuta. Cheers!

Michele Privitera
Titolare de “Il Pretesto Beershop” di Bologna





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.