Matteo Renzi press conference, RomePiù volte nell’ultimo periodo abbiamo parlato di come il governo Renzi si sia dimostrando completamente assente in tema di politiche sulle droghe. Ora a denunciarlo scendono in campo le associazioni, gli operatori e le comunità che lavorano nel campo della politica delle droghe e delle dipendenze, con un comunicato che mette in luce i ritardi e le mancanze gravi che si aggiungono all’assenza ormai strutturale di una delega politiche in materia.

Secondo le associazioni il governo si sta rendendo colpevole di una «clamorosa violazione delle leggi» perché ad oggi non ha ancora presentato al Parlamento la relazione annuale del Dipartimento Politiche Antidroga che, come previsto dal Dpr 309/90, dovrebbe essere presentata ogni anno entro il 30 giugno, e dovrebbe servire consentire al Parlamento di conoscere e confrontarsi sulle strategie e sugli obiettivi raggiunti dalle politiche sulle droghe, nonché sull’attività relativa alla erogazione dei contributi finalizzati al sostegno delle attività’ di prevenzione, riabilitazione, reinserimento e recupero delle dipendenze.

Inoltre il governo Renzi ha continuato a violare la legge (in questo caso come già fatto dai precedenti governi Monti e Letta) anche in merito alla mancata convocazione della Conferenza governativa sulle droghe, che dovrebbe tenersi ogni tre anni m che ormai da 10 non si svolge.

«Il fatto è ancora più inquietante perché la Relazione è sicuramente pronta – prosegue il comunicato – anche per l’importante contributo dato dal Cnr, ma problemi organizzativi interni alla Presidenza del Consiglio ne ritardano e minacciano l’uscita; per questo chiediamo che venga al più presto resa pubblica ed inviata ai deputati e ai senatori al fine di non procrastinare ulteriormente la possibilità di una discussione approfondita e l’apertura di un confronto anche con la società civile.

Tale ritardo aggrava una sensazione di trascuratezza e disattenzione politica per questi temi, ormai diffusa negli operatori e nella società civile, a fronte di fenomeni legati al tema droga e delle nuove forme di dipendenza in rapido cambiamento ed evoluzione, con nuove domande di intervento, di ricerca, di approfondimento, di sviluppo e trasformazione del sistema di presa in carico. La Presidenza del Consiglio da cui dipende il Dipartimento Politiche Antidroga è responsabile in prima persona per colpa o per omissione e deve risponderne politicamente. Immediatamente».

Il comunicato di protesta è stato firmato dalle seguenti associazioni: gruppo Abele, Cnca, Forum Droghe, Società della ragione, Cgil, Lila, Antigone, Comunità San Benedetto al Porto, Legalizziamo!, Legacoop sociali, associazione Luca Coscioni, Tavolo sulla sanità e salute mentale, associazione L’isola di Arran, Comunità Progetto Sud.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.