La senatrice Emma Bonino di “Più Europa”

Una proposta di legge composta di un solo articolo. Poche parole in tutto che nelle intenzioni dei senatori di Più Europa sarebbe sufficienti per difendere il commercio di cannabis light e proteggere i negozi dalle interpretazioni restrittive dei giudici e dalle sempre più frequenti operazioni di polizia.

La proposta di legge, depositata da Emma Bonino, inserisce all’articolo 2, comma 2 della legge 242/2016 i “prodotti da fumo e da inalazione, nonché per altri usi non medicinali o alimentari, derivanti dainfiorescenze fresche ed essiccate, resine e oli” tra i prodotti commercializzabili derivanti dalla coltivazione lecita della cannabis.

In questo modo, nelle intenzioni di Più Europa, la norma dovrebbe permettere finalmente di vendere le infiorescenze di canapa legale anche per il loro vero utilizzo, senza trincerarsi più dietro il misterioso “uso tecnico” ad oggi dichiarato sulle confezioni. Finirebbe così la discrezionalità del testo che ha portato alcuni giudici, che lo hanno interpretato in chiave restrittiva, a considerare illecita la vendita di cannabis light in quanto la legge non prevede esplicitamente l’inalazione tra gli usi consentiti.

La proposta di legge (il cui testo completo è consultabile a questo link) arriva evidentemente fuori tempo massimo. La crisi del governo giallo-verde è conclamata e con ogni probabilità tra pochi mesi gli italiani dovranno tornare alle urne. E’ ragionevolmente certo che la proposta non sarà neppure discussa dalle Camere.

Da parte nostra, mentre da tutto il mondo incluso il vicino Lussemburgo, arriva notizia di stati prossimi alla legalizzazione totale della cannabis, riteniamo che i partiti che dichiarano di appoggiare la legalizzazione della cannabis dovrebbero ricominciare ad esporsi per una vera legalizzazione, senza limitarsi alla battaglia per la cannabis light.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.