Reggae vibrations

Pinnacle: a rischio la prima terra dei Rastafari

pinnacle1Pinnacle è il primo campo rasta ed il luogo deve ebbe origine il movimento spirituale nato in Giamaica. Fondato da Leonard P. Howell nel 1940, Pinnacle è situato sulle colline di Sligoville in St Catherine. Il campo fu bruciato dalla polizia in uno dei tanti raid e con esso molte case nei dintorni. Esempio di autosufficienza e di resistenza al colonialismo nonché la prima casa del movimento Rastafari, oggi rischia lo sfratto dopo un lungo contenzioso legale. Nel 1980, il governo giamaicano ha venduto la maggior parte di questa terra agli investitori stranieri e privati.

Il 13 novembre 2013, il magistrato ha stabilito che il lotto 199 appartiene legalmente alla società St Jago Hills Development. La terra comprende Pinnacle, le rovine della grande casa dove visse Howell e un serbatoio d’acqua, parte della ex comunità. Non include però il Tabernacolo Nyahbinghi: il luogo di preghiera dovrebbe essere esente dai rischi.

Più volte la comunità rasta locale ha cercato di acquistare il suolo per non giungere ad un risultato drammatico, ma nonostante gli incontri e le rassicurazioni la situazione sembra lontano dall’essere risolta. Così in questi giorni è partita un’occupazione pubblica in segno di protesta. Firmare la petizione significa far sì che il mondo intero non perda un patrimonio culturale e spirituale. Senza Pinnacle non ci sarebbero stati i Rasta e senza di loro la musica reggae non sarebbe probabilmente così come la conosciamo.

a cura di Reggarevolution.it





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Cerca anche
Close
Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.