Psiconauta

Piante commestibili e non

 

Piante commestibili e nonBASSIA (KOKIA) SCOPARIA
– incerto, sconosciuto

La Bassia scoparia, conosciuta anche con il sinonimo di Kokia scoparia, è un arbusto perenne originario dell’Eurasia ma ormai stabile anche in molte zone del Nord America, nelle praterie e ai confini dei deserti. Tra i nomi vernacolari con cui la pianta è chiamata si possono ricordare burningbush (arbusto che brucia), Mexican firebrush, Mexican fireweed.

Pianta annuale, eretta, a forma piramidale o con molti rami laterali arrotondati, alta fino a un paio di metri, con rizoma strisciante. Le foglie sono alternate, ovate, lunghe fino a 5 centimetri, con fine peluria negli esemplari più vecchi. Il fusto è verde, virante al rosso con l’età; i fiori sono verdastri, simili alle foglie, e sormontati da ciuffi pelosi, con infiorescenza a spiga.

I semi di questa pianta sono il componente del tonburi, piatto tipico giapponese, che si dice abbia un sapore simile a quello del caviale, e non a caso viene anche detto “caviale di terra”. Per ottenere il piatto, i semi, del diametro di 1-2 mm e di colore verde nerastro, vengono prima fatti seccare, poi bolliti e tenuti a bagno nell’acqua calda per un giorno intero; poi sfregati tra le mani per eliminare la buccia esterna.

Il tonburi viene anche impiegato nella medicina tradizionale cinese per prevenire i disordini metabolici tipo iperlipemia, ipertensione, obesità e arteriosclerosi. Il principio attivo della Bassia scoparia sembra rappresentato dalla momordina, un triterpene saponinico.

 

Piante commestibili e nonBRYONIA DIOICA
– incerto, sconosciuto
– tossico, anche mortale

Conosciuta come vite bianca, la Bryonia dioica è una pianta erbacea perenne della Famiglia delle Cucurbitaceae, presente in Europa centrale e meridionale, in Asia occidentale e Africa settentrionale.

Tipica degli ambienti ruderali, trova il suo habitat anche nei boschi a mezz’ombra, nelle siepi, dal mare alle regioni sub-montane. Si presenta come una liana con fusto munito di lunghi viticci; la radice è molto grande, come una testa d’uomo; le foglie sono verde chiaro, piuttosto smorte, a forma di quelle dell’edera; i fiori sono gialli, striati di verde. I fiori maschili e quelli femminili fioriscono su piante diverse. Il frutto è una bacca rossa, grande più o meno come un pisello.

La radice contiene due glucosidi (brionina e brionidina), una resina (brioresina) e un alcaloide (brionicina); tutta la pianta è velenosa soprattutto le bacche, che contengono un colorante carotinoide (licopina). Nel passato le radici essiccate o più raramente fresche venivano utilizzate, a bassissime dosi, come purgante drastico, inoltre veniva utilizzata contro malattie respiratorie come la pertosse e nei processi infiammatori polmonari, oggi trova applicazione soltanto nell’omeopatia, per la sua notevole tossicità anche a dosaggi bassi (può provocare flusso emorroidario e mestruale data la congestione provocata sugli organi pelvici).

In generale la pianta è irritante anche per contatto con la pelle in casi di sovradosaggi, può provocare vomito, dolori colici, diarree sanguigne, ematuria e può condurre alla morte per arresto cardiorespiratorio. La presenza della brionicina (alcaloide) la colloca tra le piante potenzialmente psicoattive, anche se non abbiamo dati sul suo eventuale utilizzo a scopi voluttuari.

a cura di Gilberto Camilla
Etnopsicologo, Presidente della SISSC
(Società Italiana per lo Studio degli Stati di Coscienza)





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.