Street art e Design

Philippe Echaroux Street Art 2.0

Philippe Echaroux Street Art 2.0

Con il progetto intitolato Street Art 2.0 l’artista e fotografo Philippe Echaroux trasforma i graffiti in immagini immateriali, uniche e suggestive impiegando la tecnologia per portare la street art dove fino ad oggi non era possibile, nella foresta amazzonica.

Il polmone verde del nostro pianeta viene costantemente messo in pericolo dalla deforestazione selvaggia: ogni minuto in Brasile viene distrutta una superficie grande quanto due campi da calcio per un totale di circa 5mila chilometri quadrati di foresta ogni anno.

Philippe Echaroux Street Art 2.0La foresta pluviale tropicale costituisce il più grande e ricco bacino di biodiversità al mondo che include le moltissime e variegate popolazioni indigene, ormai ridotte sensibilmente.

Con il suo progetto P. Echaroux ha voluto riportare all’attenzione le tematiche sopra citate, proiettando sugli alberi i volti dei membri delle tribù dei Surui, indigeni brasiliani e vittime costanti delle devastazioni causate dalle deforestazioni e dai cercatori d’oro che con il mercurio inquinano i corsi d’acqua e la terra, avvelenandola.

«Questo era l’unico modo per creare qualcosa di non permanete, così che nessun albero venisse danneggiato» – dice Philippe nella video intervista del progetto, realizzato in collaborazione con l’associazione Aquaverde – «ho poi fotografato le proiezioni in modo che potessero essere messe a disposizione di tutto il mondo, per realizzare mostre e campagne di sensibilizzazione in difesa dei popoli indigeni».

Un progetto realizzato nel pieno rispetto dell’ambiente e un’arte di strada che non sempre è ecologica, lo diventa grazie alla tecnologia.

Philippe Echaroux Street Art 2.0

Philippe Echaroux Street Art 2.0

Philippe Echaroux Street Art 2.0

Philippe Echaroux Street Art 2.0

 

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button