2014 WSOP_EV50_DAY3

Phil Ivey è diventato famoso in tutto il mondo come uno dei più grandi giocatori di poker di tutti i tempi, con oltre 21 milioni di dollari di vincite. Una somma tale da convincerlo a diversificare i suoi investimenti diventando un imprenditore vero e proprio. Dopo averci provato lanciando in proprio un sito di poker online, senza grande fortuna visto che il progetto è stato momentaneamente sospeso, ora il 10 volte vincitore del prestigioso braccialetto WSOP (il più ambito premio per i giocatori di poker) ci riprova entrando nel business della cannabis terapeutica.

La contea di Clark, quella che ha Las Vegas nel suo territorio,
è stata una delle ultime del Nevada a legalizzare la produzione e la vendita di cannabis a scopi medici ed Ivey figura nella lista dei ventisei operatori autorizzati ad operare in questo mercato all’interno della contea. Ora, come tutti i candidati selezionati, dovrà ottenere il via libera da parte del dipartimento di salute dello Stato e poi superare un’audizione per ottenere l’autorizzazione finale. Ma il più è fatto: il campione del gioco d’azzardo questa volta pare voler entrare in un mercato ben più sicuro, visto che quello della marijuana dietro ricetta medica è un business che sta volando in tutti gli stati Usa dove è consentito, tanto da essere considerato un mercato con potenzialità di crescita superiori al settore degli smartphone.





2 Comments

  1. Si. Sono Claudio Maritan di Padova , affetto da hiv+ ,epatite C, distrofia, dermatiti, deambulazione mancanza di appetito, stitichezza, non dormo, + di 3 ore, non riesco + a prendere la terapia anti virale. Chiedo c'e qualcosa nella mia città dove possa porre delle domande , Grazie.

  2. Davide Roberto says:

    Ha scelto la via più sicura di fare soldi. Mica fesso il giovanotto 😉

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.